Diritto e Fisco | Articoli

Dopo quanto tempo la denuncia viene archiviata?

16 febbraio 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 16 febbraio 2017



Non esiste un termine entro il quale la denuncia debba essere archiviata.

Se siete stati denunciati, non avete ancora ricevuto alcuna comunicazione e vi state chiedendo dopo quanto tempo una denuncia viene archiviata, sappiate che non esiste un termine preciso. Il pubblico ministero chiederà l’archiviazione del procedimento (sorto a causa di una denuncia) solo se, dopo la conclusione delle indagini preliminari (che hanno una durata massima di 18 mesi o di 24 mesi, per i reati più gravi), riterrà che la notizia di reato sia infondata, che manchi una condizione di procedibilità, che il fatto sia di lieve tenuità, che sia estinto o non sia previsto dalla legge come reato.

Le indagini

Se un fatto illecito denunciato non risulta manifestamente infondato, l’autorità giudiziaria trasmette gli atti al pubblico ministero di turno che darà inizio alle indagini finalizzate alla ricerca della verità ed al rinvenimento delle prove da porre a fondamento dell’accusa [1].

Le indagini hanno una durata massima di 6 mesi dal momento in cui vi è stata l’iscrizione nel registro delle notizie di reato [2], o di un anno per i reati più gravi espressamente previsti dal codice penale [3].

Il pubblico ministero può chiedere la proroga di suddetti termini per giusta causa, per la particolare complessità delle indagini o per la oggettiva impossibilità di concluderle entro il termine prefissato.

Ciascuna proroga di indagine  può essere autorizzata dal giudice per un tempo non superiore ai sei mesi [4] fino ad una durata massima che non può superare in ogni caso 18 mesi (o 24 mesi per i delitti più gravi) [5].

 

L’archiviazione

Al termine delle indagini preliminari, il pubblico ministero potrà:

  • emettere l’avviso di conclusione delle indagini [6],
  • o chiedere al giudice l’archiviazione del procedimento [7].

L’archiviazione sarà chiesta tutte le volte in cui il pubblico ministero ritenga:

  • infondata la notizia di reato;
  • che manchi una condizione di procedibilità (cioè che non vi sia la querela della persona offesa in un caso in cui, come quello del furto semplice, sia necessaria perché si proceda nei confronti del responsabile);
  • che il fatto sia di lieve tenuità [8];
  • che sia estinto (perché ad esempio sia trascorso troppo tempo e si sia prescritto);
  • non sia previsto dalla legge come reato o non sia più previsto dalla legge come reato (come il caso del falso in scrittura privata che è stato depenalizzato).

L’avviso della richiesta di archiviazione è notificato:

  • alla persona offesa che, nella denuncia, ha dichiarato di voler essere informata circa l’eventuale archiviazione;
  • alle vittime dei reati commessi con violenza alla persona (come lo stalking, la violenza sessuale ed altri).

La denunciante, in tal modo, potrà prendere visione del fascicolo e, nel termine di 10 giorni (prorogati a venti giorni per le vittime di reati commessi con violenza contro la persona), potrà presentare opposizione con richiesta motivata di prosecuzione delle indagini preliminari.

Nel caso in cui vi sia opposizione, il giudice:

  • accoglierà la richiesta di archiviazione, chiudendo definitivamente il giudizio;
  • oppure rigetterà la richiesta e fisserà un’udienza, all’esito della quale potrà ordinare al pubblico ministero di svolgere ulteriori indagini (fissando il termine specifico per il compimento di esse)  oppure potrà disporre che, entro 10 giorni, il pubblico ministero formuli l’imputazione (imputazione coatta) .

Non esiste un termine entro il quale una denuncia può essere archiviata. Considerate solo che, presso il tribunale di Napoli, nell’agosto 2016 è stata sporta una querela, il pubblico ministero l’ha ritenuta infondata ed ha avanzato la richiesta di archiviazione al giudice; ad oggi (febbraio 2017) siamo ancora in attesa della fissazione dell’udienza.

note

[1] Art. 50 cod. proc. pen.

[2] Art. 405 cod. proc. pen.

[3] Art. 407 cod. proc. pen.

[4] Art. 405 cod. proc. pen.

[5] Art. 407 cod. proc. pen.

[6] Art. 415 bis cod. proc. pen.

[7] Art. 408 cod. proc. pen.

[8] Art. 131 bis cod. pen.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

4 Commenti

  1. Buon giorno.potrei capire,perché un fallimento, ilGiudice non lo chiude,sono una vittima da 17 anni mi consiglia di esporre denunzia come istigazione nei miei confronti!! Graziei

  2. A marzo del 2017 ho proposto al gip opposizione all’archiviazione del P.M. MA AD OGGI NESSUNA RISPOSTA

    1. In Italia se la prendono comoda.tutti hanno paura del terzo potere.vi risulta che ci sia at o qualche politico che nelle ultime elezioni abbia parlato delle loro malefatte?nessuno.forse perché i politici hanno tutti la coscienza sporca

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI