Business | Articoli

Avvisi via PEC dall’Agenzia: come verificare la firma digitale

24 Novembre 2016
Avvisi via PEC dall’Agenzia: come verificare la firma digitale

Gli avvisi bonari e gli accertamenti potranno viaggiare via PEC, ma come essere certi che non si tratta di una truffa? 

L’Agenzia delle Entrate è stata da poco autorizzata a inviare tutte le comunicazioni inerenti le posizioni fiscali dei contribuenti anche via PEC. Si tratta di un’estensione a tutte le operazioni, di un procedimento in parte già previsto e autorizzato precedentemente. Per i dettagli vi consigliamo di leggere il nostro approfondimento Notifica atti via PEC: quando serve la raccomandata A/R.

Truffe via mail firmate Agenzia delle Entrate

Si pone dunque il problema di verificare quando arriva una PEC che a inviarla sia veramente un ufficio dell’Agenzia delle Entrate.

Non sarebbe difatti la prima volta che capita che truffatori elaborino una comunicazione del tutto identica all’originale ma il cui scopo è quello di carpire i vostri dati personali. Si legga ad esempio Mail truffa: comunicazioni in merito a indebitamento o anche Agenzia delle Entrate: truffa redditometro.

Ecco allora alcuni suggerimenti che ci permettono di controllare se la firma digitale apposta al documento è davvero una firma proveniente dagli uffici del Fisco.

Verifica firma digitale documenti Agenzia delle Entrate: come fare

Puoi verificare la firma digitale e la successiva estrazione degli oggetti firmati può essere effettuata con qualsiasi software in grado di elaborare file firmati in modo conforme ai regolamenti CNIPA [1].

Alcuni dei servizi utilizzabili per verificare i certificati allegati al documento digitalmente firmato sono i seguenti:

  • Servizio Infocert;
  • Servizio Postecom;
  • Servizio Consiglio Nazionale del Notariato;
  • Servizio DataSign Cloud.

E inoltre sono disponibili anche, nel caso di necessità di verifica di documenti provenienti da altri stati appartenenti all’UE:

  • Servizio AndXor, che verifica anche le firme basate su certificati rilasciati da certificatori qualificati stabiliti nell’Unione Europea;
  • Servizio AgID – applicazione DSS per la verifica di firme europee – Solo verifica, non consente di visualizzare il file originale;
  • Servizio Namiral – verifica anche le firme basate su certificati rilasciati da certificatori qualificati stabiliti nell’Unione Europea – Solo verifica, non consente di visualizzare il file originale.

Tutti i link per i servizi che abbiamo citato, sono stati segnalati dall’Agenzia delle entrate e sono disponibili nella sezione in pratica del nostro articolo.


note

[1] Deliberazione CNIPA 21 maggio 2009, n. 45.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube