Auto: che cos’è il documento unico di circolazione

20 Febbraio 2017 | Autore:
Auto: che cos’è il documento unico di circolazione

Addio a libretto di circolazione e certificato di proprietà. Pra e Motorizzazione uniscono le competenze. Con un risparmio di 39 euro per l’immatricolazione.

Un solo documento per l’auto anziché due. Con la riforma della Pubblica amministrazione, ormai in dirittura di arrivo, dall’inizio del 2018 il libretto di circolazione ed il certificato di proprietà si fondono in un documento unico di circolazione. Si tratta di un’integrazione tra le competenze del Pra, il Pubblico Registro Automobilistico gestito dall’Aci (l’ufficio che rilascia il certificato di proprietà), e quelle della Motorizzazione Civile, che consegna all’automobilista il libretto di circolazione. Che cosa ci guadagna il cittadino? Oltre ad avere meno carte in giro nel vano contenitore dell’auto, avrà anche un risparmio ogni volta che farà una pratica di immatricolazione. Pagherà 61 euro contro gli attuali 100. Sono 39 euro in meno. Non è una cifra enorme, ma con i tempi che corrono meglio di niente.

Il documento unico di circolazione non comporterà, però, una fusione tra il Pra e la Motorizzazione Civile, come suggerito ai primi di febbraio dall’Antitrust (l’Italia è l’unico Paese europeo a chiedere, oltre la carta di circolazione, anche l’iscrizione al Pra). Le due agenzie resteranno autonome, ciascuna con la propria banca dati. Ma comunicheranno tra di loro per realizzare un’unica operazione.

Come si arriverà al risparmio di 39 euro? Quando si farà una pratica di immatricolazione, si pagheranno solo due bolli al posto dei quattro richiesti oggi. Oggi tra iscrizione al Pra e rilascio della carta di circolazione si spende 64 euro. Dall’inizio del 2018 si pagherà la metà (32 euro). Scenderà anche la tariffa fissata dal ministero delle Infrastrutture: da 37 euro a 30. Totale 61 euro anziché 100. Salta fuori una serata in pizzeria.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Dovrebbero abolire la tassa automobilistica visto che l’ Italia è l’ unica al mondo che fa pagare tale tassa di proprietà.
    Tassa illegittima, visto che l’ auto è una proprietà.
    Il Governo pur di far soldi si inventa di tutto!!!!!!! a discapito dei cittadini!!!!!!!

Rispondi a Anonimo Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube