| Articoli

Caccia e pesca sul fondo altrui: le regole applicabili

5 marzo 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 5 marzo 2017



Vediamo le regole per cacciare e pescare sui fondi privati senza commettere abusi.

Secondo il codice civile [1] i cacciatori possono entrare sui terreni privati se questi non sono chiusi nei modi previsti dalla legge e se non ci sono coltivazioni che potrebbero essere danneggiate dal passaggio.

In virtù della stessa norma, invece, i pescatori possono entrare sul fondo altrui solo se c’è il consenso espresso del proprietario: in mancanza di questo assenso, quindi, la pesca non può essere esercitata sui luoghi privati.

Questa disposizione è stata scritta per rendere compatibili i diritti del proprietario del fondo con quelli di cacciatori e pescatori che – pagando il tributo imposto – hanno il diritto di transitare negli spazi naturali per esercitare il loro sport.

Condizioni per l’accesso ai fondi da parte dei cacciatori

Il diritto dei cacciatori di entrare sul fondo altrui per cacciare non è però assoluto.

Infatti, può essere esercitato solo a queste condizioni:

  • innanzitutto, è necessario che il cacciatore abbia con sé la licenza venatoria rilasciata dall’autorità competente e la polizza assicurativa richiesta dalla legge per la copertura di eventuali danni causati a terzi nell’esercizio della caccia; la licenza deve essere in corso di validità, dunque non scaduta. In mancanza di questo requisito, e della connessa polizza obbligatoria, il proprietario del fondo può impedire l’accesso alla sua proprietà;
  • occorre, poi, che il fondo non sia chiuso nei modi stabiliti dalla legge: a tal riguardo, le disposizioni vigenti [2] stabiliscono che il proprietario del terreno per impedire l’accesso ai cacciatori deve chiudere il fondo con una rete metallica o con un muro di altezza non inferiore a metri 1,20; in alternativa, il proprietario del fondo può impedire l’accesso ai cacciatori quando il proprio terreno è circondato da corsi d’acqua profondi almeno metri 1,50 e larghi almeno metri 3; il proprietario del terreno deve poi dotare la sua recinzione di tabelle informative che avvisino i cacciatori dell’impossibilità di accedere al fondo: la forma ed il contenuto di queste tabelle sono regolate dalle singole leggi regionali;
  • è infine necessario che sul fondo non vi siano coltivazioni che possano essere danneggiate dal passaggio del cacciatore: dunque, qualora il fondo sia coltivato, se le piante possono ricavare sofferenza dall’accesso altrui e magari divenire improduttive, il proprietario del fondo può impedire il transito al cacciatore. Per legge è sempre vietata la caccia sui terreni destinati a frutteti specializzati, vigneti e uliveti fino alla data del raccolto; la stessa regola vale anche per i terreni coltivati a soia e a riso, nonchè a mais per la produzione di seme [3]. Le singole leggi regionali possono poi individuare altri terreni sui quali è vietata la caccia in virtù di altri tipi di coltivazione da tutelare.

Condizioni per l’accesso ai fondi da parte dei pescatori

Come accennato, a differenza dei cacciatori i pescatori possono entrare sul fondo altrui soltanto se c’è il consenso del proprietario: infatti, a differenza della caccia la pesca può esercitarsi più facilmente, vista la presenza abbondante di corsi e specchi d’acqua in luoghi non soggetti all’altrui diritto di proprietà. Perciò, il pescatore può essere autorizzato dal proprietario del terreno a transitare su di esso solo quando questo passaggio è l’unico modo per raggiungere il luogo di pesca [4].

Anche il pescatore, poi, deve essere munito di valida e regolare licenza.

note

[1] Art. 842 cod. civ.

[2] Art. 15, comma 8, della L. n. 157/1992.

[3] Art. 15, comma 7, della L. n. 157/1992.

[4] Cass. sent. 773/1962 del 19.04.1962.

Autore immagine: Pixabay

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI