Diritto e Fisco | Articoli

L’immobile strumentale resta tale alla morte del proprietario?

12 marzo 2017


L’immobile strumentale resta tale alla morte del proprietario?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 12 marzo 2017



L’immobile strumentale di una ditta alla morte del proprietario perde la caratteristica di strumentale e se ne può disporre separatamente?

Con questa domanda, il lettore ci chiede se alla sua morte può considerare il capannone libero e non più legato alla sua attività e se, quindi, può lasciare il 60% del capannone più tutta la merce dell’attività al figlio e alla figlia il 40% del capannone, pagando solo l’imposta ereditaria.

Il testamento così immaginato è senz’altro valido ponendosi, al più, un problema di rispetto della quota di legittima riservata dalla legge al coniuge per l’ottenimento della quale quest’ultimo ha il diritto di impugnare il testamento con apposita azione giudiziale entro il termine di dieci anni dall’apertura della successione.

Ciò premesso e venendo, invece, alla questione più prettamente fiscale, la qualifica di bene strumentale non svanisce automaticamente con il decesso dell’originario titolare dell’immobile. Pertanto, alla sua morte, il bene resterà strumentale e i suoi eredi, in particolare i due figli, potranno decidere di continuare l’attività eventualmente in forma societaria oppure chiuderla. In entrambi i casi, tuttavia, la qualifica di bene strumentale resterà in vigore e i suoi eredi saranno tenuti al pagamento delle relative imposte, oltre quelle legate alla successione vera e propria dell’immobile.

Da valutarsi, quindi, è l’ipotesi di usufruire dell’agevolazione prevista dall’ultima legge di stabilità la quale consente agli imprenditori individuali titolari di beni immobili strumentali tanto alla data del 30.10.2015 quanto alla data del 01.01.2016 di estromettere i suddetti beni dal regime della strumentalità corrispondendo sulla plusvalenza creatasi e pari alla differenza tra il valore normale del bene e quello fiscalmente riconosciuto non ammortizzato un’imposta sostitutiva di quelle sui redditi e dell’Irap pari all’8%. Non è previsto alcuno specifico adempimento ma soltanto un comportamento concludente attuabile mediante rilevazione contabile dell’operazione da attuarsi sul libro giornale nel caso di imprenditore in contabilità ordinaria e sul registro dei beni ammortizzabili ove in contabilità semplificata.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Enrico Braiato     

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Buon giorno
    Io sono il padre e per me questo quesito è molto importante.
    Ho richiesto pareri a diversi professionisti e ho ricevuto consulenze come la Sua ed altre completamente opposte.
    Quelle opposte si rifanno alla lettera b – comma 1 art. 67 del TUIR , secondo la quale un bene strumentale con la successione viene acquisito a titolo privato dagli eredi e di conseguenza non richiede l’ estromissione per poter essere venduto.
    Io sono molto interessato ad ottenere una consulenza sulla quale posso assolutamente basarmi.
    Le sarei quindi molto grato e pagatore della dovuta parcella se in base a quanto esposto potesse riesaminare e rilasciarmi una risposta certa ed affidabile.
    In attesa ringrazio e porgo i migliori saluti
    Divizia Carmelo – via Magazzeno – 17028 – Bergeggi – SV
    cell 3334114236

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI