Diritto e Fisco | Articoli

Se i vicini fanno sesso di notte, come difendersi da gemiti e rumori

21 febbraio 2017


Se i vicini fanno sesso di notte, come difendersi da gemiti e rumori

> Diritto e Fisco Pubblicato il 21 febbraio 2017

Anche il rumore della coppia che fa sesso non può superare la normale tollerabilità; non si può impedire però il leggero gemito solo perché ci sono bambini nell’appartamento vicino.

Rumori molesti di letto e materasso, gemiti e frasi di tutti i tipi, anche le più colorite: di certo, non si può impedire a una coppia di fare sesso, né si può considerare il «rumore dell’amore» come illecito. Ma come ci si difende in questi casi da chi, per adempiere ai doveri di matrimonio o per vivere un’esperienza focosa di una notte, non lascia dormire il vicino di casa o il proprietario del piano di sotto?

La soluzione, in realtà, non è scritta in nessuna legge se non in quella famosa – e unica – disposizione del codice civile [1] secondo cui la soglia dei rumori molesti non può superare la «normale tollerabilità». Ora, è vero che tutto è relativo, e anche il sonno lo è potendo essere leggero o profondo a seconda della persona; è altresì vero che non si può vietare a una coppia, durante l’unico momento della giornata di tranquillità e di vicinanza, di pensare a concepire un figlio o, magari, di trovare un’alternativa più gioiosa alla consueta serie televisiva; ma è anche vero che agli scuotimenti di molle e agli ansimi c’è comunque un limite. Bisognerebbe avere l’accortezza di non disturbare, non tanto per una questione di censura – non esistono norme, come detto, che vietino di fare sesso e di farlo sentire ai vicini, anche se ci sono bambini piccoli – ma per tutelare il riposo delle persone. Senza giungere a una soluzione drastica come quella adottata, di recente, dal giudice di pace di Foggia: la sentenza, citata dalla Gazzetta Meridionale, ha posto un veto a una coppietta di avere amplessi tra le ore 23 e le 7, visto il disturbo che questi provocavano ai limitrofi proprietari di appartamenti. Il provvedimento è solo il culmine di una serie di contestazioni cui, in prima battuta, lo stesso giudice aveva tentato di porre rimedio, ordinando agli amanti di usare un tono di voce più basso. Ordine che, evidentemente, era stato ignorato, tant’è che è stato necessario un secondo intervento del magistrato, questa volta più categorico.

«Sesso protetto», quindi, ma solo per i vicini, molestati dai rumori purché intollerabili. Non è necessario impegnarsi in manovre acrobatiche per dar fastidio agli altri appartamenti confinanti. Basta anche il semplice gemito, ripetuto per più fasce orarie durante tutto l’arco della notte, a svegliare i condomini. Ed è su questa partita che si gioca la valutazione del giudice: la tollerabilità dei rumori non è tanto sulla natura degli stessi e sulle frasi dette, quanto sull’intensità. Insomma, a prevalere non è tanto la tutela dei minori, quanto il riposo dei vecchietti.

note

[1] Art. 844 cod. civ.

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI