Taxi, Uber e Ncc: che cosa cambia con il sì al Milleproroghe

23 febbraio 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 23 febbraio 2017



Il decreto è stato approvato in via definitiva. Resta il divieto per UberPop, ma il noleggio senza conducente avrà meno limiti di quelli chiesti dai tassisti.

Il decreto Milleproroghe diventa legge con il sì definitivo alla Camera, dopo aver incassato il via libera al Senato. E porta con sé strascichi di polemica per la vicenda delle licenze Uber e, più in generale, del noleggio di auto con conducente (noto come Ncc), vicenda che aveva scatenato la protesta in piazza dei tassisti. Ma come cambiano il servizio Uber e quello del noleggio con conducente dopo l’approvazione del Milleproroghe?

Con un colpo al cerchio e uno alla botte, e cioè: sì alle licenze territoriali per Uber e noleggio con conducente ma nessun obbligo per entrambe le attività di rientrare alla rimessa alla fine di ogni corsa. Significa che, se prima non si poteva fermare per strada un veicolo libero a noleggio con conducente (Ncc) come quelli del servizio Uber, ora si può.

Il decreto Milleproroghe approvato dal Parlamento prevede anche il potenziamento della lotta all’abusivismo, cioè ai tassisti abusivi, e il divieto di utilizzare UberPop, l’app di Uber destinata agli autisti senza licenza e che danno un passaggio con la propria auto. In pratica, si stabilisce che un privato non può esercitare per quello che non è, quindi non può nemmeno inventarsi da un giorno all’altro di essere un tassista. Come se chi scrive pretendesse di essere schierato domani da Zidane accanto a Cristiano senza aver mai toccato un pallone in vita sua (a dire il vero, ero fisso nelle partite tra scapoli-ammogliati ed ho anche segnato una volta di testa, ma questa è un’altra storia). Conclusione: può lavorare come autista di un auto a noleggio con conducente (quindi anche per Uber) solo chi ha la licenza e la patente KB, cioè il certificato di abilitazione professionale per la guida di un’auto per il trasporto di passeggeri.

Infine, il Governo promette una maggiore regolamentazione del trasporto pubblico su auto. Normativa che deve ancora essere vagliata anche con i rappresentanti dei diretti interessati e che non è stata approvata per una questione di tempo: il decreto Milleproroghe, infatti, doveva essere approvato entro il 28 febbraio (pena scadenza). Il riordino del settore dei taxi, invece, secondo il Governo, può aspettare ancora qualche settimana.

Differenza tra il taxi ed il noleggio con conducente

Ma dove nasce il malessere dei tassisti per il servizio di noleggio con conducente, come quello di Uber? Il motivo è uno dei più antichi al mondo: la concorrenza. Leale o sleale, lo deciderà il Governo con il prossimo piano di riordino del settore. Se, da una parte, si vuole evitare una sanzione europea per violazione del libero mercato, dall’altra l’Esecutivo ha già annunciato che non vorrà mettere taxi, Uber e Ncc sullo stesso piano. A politici e sindacalisti l’arduo compito di trovare un punto di equilibrio.

Vediamo, allora, qual è la differenza tra un taxi ed un auto a noleggio con conducente.

La prima sostanziale differenza si trova nel prezzo, che poi è uno degli elementi determinanti per scegliere un servizio piuttosto che un altro. Quando si prende un taxi, il costo della corsa lo si sa quando si arriva a destinazione, mentre quando si usa un’auto a noleggio con conducente il prezzo si pattuisce prima. Quindi, che si trovi traffico, semafori lunghi o lavori in corso che costringono a fare il giro dell’oca, il prezzo del Ncc è sempre quello.

La seconda differenza tra il taxi e l’Ncc la si trova nel sistema di pagamento. Teoricamente, si potrebbe prendere un’auto a noleggio con conducente senza avere un euro in tasca: al momento della prenotazione, si può pagare la corsa con il telefonino tramite la carta di credito o il conto Paypal.

C’è, poi, la differenza di ubicazione. Il taxi è spesso più reperibile in un momento di bisogno (l’arrivo all’aeroporto o a una stazione, ad esempio) in quanto sosta in un’area dedicata e sono ben identificabili, mentre l’auto a noleggio con conducente sosta in un’apposita rimessa e occorre prenotarla per poter usufruire del servizio. Certo, si può telefonare anche per avere un taxi, ma quest’ultimo, di norma, arriva soltanto per un servizio immediato dopo la telefonata, non per effettuare una corsa su prenotazione.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

7 Commenti

  1. In ogni caso l’articolo 11 coma 3 vieta la sosta in strada degli ncc nei comuni dove c’è il servizio taxi. Art. già presente nel testo originale della legge. Quindi gli ncc che aderiscono al servizio offerto da Uber non sono in regola e non possono bighellonare in città in attesa di una chiamata.

  2. E comunque ci sono molte inesattezze in questo modo di fare capire la differenza tra i Taxi e Ncc.Il Taxi circola con tariffe comunali che variano da città a città ed il tassametro gira a chilometri che si percorrono e quando si ferma per traffico a tempo,ma e molto più logico fare corse brevi e veloci perché il tassista guadagna con la partenza del tassametro non stando fermo nel traffico,avendo una esperienza lavorativa ultra ventennale ricordo che prima l’utente che si serviva di un Ncc lo faceva perché voleva un servizio diverso dal Taxi e consapevole di dover pagare di più rispetto ad una cora in Taxi,adesso con Uber la tariffa su un percorso uguale per Taxi ed Ncc costa meno e questa si chiama concorrenza sleale, per quanto riguarda il pagamento delle corse sia con il Taxi che con gli Ncc e possibile pagare con Pos ed in altre forme quindi questa e un altra inesattezza. E poi il problema principale in questo momento e il rilascio di licenze Ncc che sta avvenendo in molti comuni D’Italia anche dove non vi e necessità di bandi di concorso per mancanza dì afflusso turistico e senza una giusta logica, lo stato definisce queste licenze opportunità di lavoro.Ma alla fine diventano solo opportunità di fame e miseria con le tante già esistenti sul territorio nazionale e la richiesta sempre minore in mancanza di un serio programma di sviluppo turistico ed industriale del nostro paese.

  3. La solita tecnica di sinistra per aumentare i posti di lavoro non fanno neanche lo sforzo di pensare scelgono un settore che funziona lo smantellano delle leggi che lo regolano e aprono il settore alle masse che per sopravvivere ruberanno a più non posso a discapito dell’utenza

  4. Rimango deluso quando leggo certi articoli che raccontano mezze verità! Il servizio è differente alla fonte,taxi =servizio pubblico di piazza,immediato e certificato.NCC= Noleggio Con Conducente da rimessa,previo accordo si stabilisce una tratta e il prezzo!
    Sarebbero due servizi che dovrebbero conpensarsi e non concorrenza.
    Per quanto riguarda il pagamento taxi:esiste di tutto,dalle applicazioni a pay pal per arrivare a tutte le carte di credito e bancomat.
    Non raccontiamo favole e documentiamoci prima di sparare stupidaggini Gratuitamente!

  5. Bisognerebbe informarsi prima di pubblicare certe idiozie. Nell’articolo si parla di licenze UBER. UBER NON POSSIEDE LICENZE, NON ESISTONO LICENZE UBER DI NESSUN TIPO. Esistono padroncini con autorizzazioni di NCC che si affiliato a Uber che fa da tramite tra utente e noleggiatore con conducente il quale paga una commissione sul servizio svolto.

  6. Bisognerebbe informarsi prima di pubblicare certe idiozie. Nell’articolo si parla di licenze UBER. UBER NON POSSIEDE LICENZE, NON ESISTONO LICENZE UBER DI NESSUN TIPO. Esistono padroncini con autorizzazioni di NCC che si affiliato a Uber che fa da tramite tra utente e noleggiatore con conducente il quale paga una commissione sul servizio svolto.

  7. equiparare il servizio questa è soluzione, fare aree di sosta anche ncc, obbligare ncc a lavorare solo sul suolo dove è stata rilasciata la licenza.
    Poi i clienti possono scegliere di quale sevizio vogliono usufruire

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI