Diritto e Fisco | Articoli

Usufrutto: necessario l’inventario e una garanzia per pretendere il bene

21 Settembre 2012
Usufrutto: necessario l’inventario e una garanzia per pretendere il bene

L’usufruttuario ha un duplice obbligo: fare l’inventario e prestare idonea garanzia.

Spesso colui che ottiene l’usufrutto su di un bene ignora che, per pretendere il godimento del bene stesso, deve prima fare l’inventario e aver prestato idonea garanzia [1]; la semplice esistenza di un atto (contratto, donazione, ecc., anche se fatto dal notaio) che gli attribuisca l’usufrutto, quindi, non è sufficiente.

Ecco perché il diritto di usufrutto non può farsi valere fin quando il destinatario dell’acquisto non abbia assolto al duplice compito sopra indicato. Mancando ciò, egli non potrà pretendere il rilascio del bene [2].

Se l’usufruttuario non presta la garanzia, l’immobile viene locato o messo sotto amministrazione.

L’obbligo di fare l’inventario e di prestare la garanzia sussistono anche nel caso in cui l’usufrutto sia la conseguenza di una donazione.

L’obbligo dell’inventario incombe anche sui genitori che abbiano l’usufrutto legale sui beni dei figli minori.

L’inventario può essere redatto

– con atto pubblico davanti a pubblico ufficiale (per es. davanti al notaio): in tal caso le dichiarazioni del pubblico ufficiale fanno piena fede (salvo un procedimento apposta che si chiama “querela di falso”, volto a impugnare la veridicità dell’atto pubblico);

– con atto in forma privata (una sorta di confessione extragiudiziale): in tal caso, le dichiarazioni in essa contenute fanno fede solo tra le parti.

Colui che cede un bene in usufrutto può sempre dispensare l’usufruttuario dal fare l’inventario. Lo può fare anche in modo tacito, con comportamenti concludenti [3].

 

 


note

[1] Art. 1002 cod. civ.

[2] C. App. Palermo, sent. 4.04.2005.

[3] C. App. Firente, sent. 6.09.1962.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube