Donna e famiglia Bonus nascita da 800 euro, come funziona

Donna e famiglia Pubblicato il 28 febbraio 2017

Articolo di




> Donna e famiglia Pubblicato il 28 febbraio 2017

Arriva il premio Inps per la nascita o l’adozione: 800 euro esentasse alla futura mamma.

Sta per diventare operativo il bonus nascita, o premio natalità: si tratta di un premio, del valore di 800 euro, che è corrisposto a tutte le future madri, anche in caso di adozione e affidamento. Quest’agevolazione è stata prevista dalla legge di bilancio 2017 ed a giorni sarà operativa, grazie a una nuova circolare dell’Inps [1].

Vediamo, in base alle nuove istruzioni Inps, come funziona il bonus nascita, chi può richiederlo e come fare la domanda.

Bonus nascita: come funziona

Il bonus nascita è un premio, dell’importo di 800 euro, completamente esentasse. È corrisposto, a partire dal 2017, alle future madri, a partire dal 7°mese di gravidanza, o in caso di adozione. Per ottenere il premio, che viene erogato in un’unica soluzione, bisogna inviare un’apposita domanda all’Inps.

Bonus nascita: i requisiti

Il bonus nascita è riconosciuto alle donne in gravidanza o alle madri che siano in possesso dei seguenti requisiti:

  • residenza in Italia;
  • cittadinanza italiana o comunitaria; le cittadine non comunitarie in possesso dello status di rifugiato politico e protezione sussidiaria sono equiparate alle cittadine italiane [2];
  • per le cittadine non comunitarie, possesso del permesso di soggiorno Ue per soggiornanti di lungo periodo, oppure di una delle carte di soggiorno per familiari di cittadini Ue.

Bonus nascita: quando

Il beneficio di 800 euro può essere concesso esclusivamente per uno dei seguenti eventi, se si verificano a partire dal 1° gennaio 2017:

  • compimento del 7° mese di gravidanza;
  • parto, anche se antecedente all’inizio dell’8° mese di gravidanza;
  • adozione del minore, nazionale o internazionale, disposta con sentenza divenuta definitiva;
  • affidamento preadottivo nazionale disposto con ordinanza.

Il beneficio è concesso in un’unica soluzione e per ogni singolo evento, gravidanza o parto, adozione o affidamento.

Bonus nascita: domanda

Può richiedere il premio alla nascita la madre avente diritto, presentando all’Inps un’apposita domanda.

La domanda va presentata dopo il compimento del 7° mese di gravidanza; all’istanza bisogna allegare:

  • una certificazione sanitaria rilasciata dal medico specialista del Servizio sanitario nazionale, che attesti la data presunta del parto;
  • un’autocertificazione della data del parto e delle generalità del bambino, se la domanda del premio è presentata in relazione al parto;
  • il provvedimento giudiziario di adozione o di affidamento preadottivo, in caso di affidamento o adozione.

L’Inps, con un successivo messaggio, fornirà al più presto le specifiche istruzioni per le modalità di presentazione delle domande telematiche, in modo che non ci sia alcun pregiudizio per le aventi diritto dal 1° gennaio 2017.

Ad ogni modo, è sicuro che per inviare la domanda sarà necessario possedere il pin per l’accesso ai servizi dell’Inps, o l’identità digitale Spid, e che la stessa domanda possa essere inviata dal sito dell’Inps, attraverso la sezione Servizi per il cittadino.

Per chi non possiede le credenziali, sarà possibile inviare la domanda attraverso un patronato.

note

[1] Inps Circ. n. 39/2017.

[2] Art. 27 D.lgs. n. 251/2007.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI