Business | Articoli

Natale: occhio alle assenze per ponti e ferie

29 Novembre 2016
Natale: occhio alle assenze per ponti e ferie

Le assenze strategiche di Natale possono essere pericolose. Legittimo il licenziamento per chi abusa di permessi e malattie. Ecco i dettagli.

A Natale occhio a ferie e permessi per allungare le feste. Si rischia il licenziamento.

Il periodo natalizio quest’anno lascia l’amaro in bocca, sono molte le giornate che difatti cadono di sabato o di domenica. Bisogna stare attenti però a pensare ad assenze strategiche che permettano ponti allungati: la Cassazione ha difatti stabilito in varie occasioni che il licenziamento per assenze o malattie ingiustificate è da considerarsi per giusta causa.

Malattie e ferie: interferiscono sull’organizzazione aziendale

Da ultimo il tribunale di Roma ha ritenuto legittimo il licenziamento per chi abusa di permessi e malattie. Nel caso specifico la dipendente aveva in modo reiterato richiesto ferie, malattie e permessi in concomitanza di week end o giorni festivi.
Nel prendere la sua decisione, il Tribunale, in risposta al ricorso del dipendente che lamentava un licenziamento senza giusta causa, richiamava una precedente pronuncia della Cassazione in materia [1] nella quale la Suprema corte aveva rigettato le ragioni dell’allora ricorrente, accusandola di aver interferito sull’organizzazione aziendale in modo pregiudizievole e condannandola peraltro al pagamento delle spese processuali.

Anche l’abuso di permessi ex legge 104 è causa di licenziamento

Tra le cause di licenziamento legittimo, si trova anche l’abuso di permessi della L. 104. Per sapere quando e in quali casi, consulta il nostro articolo: Permessi 104: l’abuso porta al licenziamento per giusta causa.


note

[1] Cass. Sent. n. 18678 del 4 settembre 2014.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube