HOME Articoli

Lo sai che? Veranda, gazebo o pergolato, quando ci vuole l’autorizzazione del Comune

Lo sai che? Pubblicato il 1 marzo 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 1 marzo 2017

Abuso edilizio: non è necessario il permesso di costruire per la copertura di un pergolato con teli di plastica. Demolizione illegittima.

Non c’è bisogno dell’autorizzazione del Comune per realizzare un copertura e chiusura di un pergolato con teli di plastica, fissati alla struttura con il sistema degli occhielli e chiavetta. In casi di questo tipo non si può parlare di abuso edilizio in assenza del permesso di costruire ed è quindi illegittimo anche l’ordine di demolizione. È quanto chiarito dal consiglio di Stato con una recente sentenza [1]. La sentenza è estremamente importante perché stabilisce le definizioni di veranda, gazebo, pergolato e pergotenda e definisce in quali casi ci voglia l’autorizzazione del Comune.

Veranda, gazebo o pergolato: ci vuole l’autorizzazione del Comune?

L’opera in contestazione, nel caso di specie, consisteva in una struttura con 3 pilastri verticali in muratura, travi portanti della copertura in legno, copertura in materiale plastico, fissata con chiodi alle travi di legno, e pareti esterne in materiale plastico amovibile, con una porta di accesso». Secondo i giudici amministrativi, si tratta di un intervento edilizio che non richiede licenze e autorizzazioni amministrative.

Innanzitutto, il Consiglio di Stato procede a definire i concetti di veranda, gazebo, pergolato e pergotenda. Venendo poi alla disciplina in tema di permesso di costruire, i giudici ricordano che per quanto riguarda alcuni tipi di opere edilizie di limitata consistenza e di limitato impatto sul territorio non è sempre facile capire quando fare riferimento all’edilizia libera e quando all’edilizia non libera (per la quale quindi è richiesta una comunicazione al Comune o un permesso di costruire).

In generale, gli arredi esterni di piccole dimensioni come le pergotende, facilmente rimovibili, non richiedono il permesso di costruire. È il caso di tutte quelle coperture costituite in gran parte da teli e tendaggi anche se di plastica. Anche se detta struttura si regge, in parte, di componenti meno facilmente amovibili (è il caso delle colonne e delle travi, normalmente realizzate in legno o in metallo o alluminio) non c’è ugualmente bisogno dell’autorizzazione del Comune. Con la conseguenza che, in assenza di permesso a costruire, non si può parlare di abuso edilizio e non è giustificabile l’ordinanza di demolizione.

note

[1] Cons. St. sent. n. 306/2017.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. Gentil.mi è possibile realizzare verande,pergolati o gazebo anche in area sottoposti a vincoli ? Grazie delle vs esaustive risposte che porrete al mio quesito.

  2. posso realizzare un pergolato staccato dalle pareti,in un giardino condominiale di cui ne ho l’uso,senza chiedere il parere dei condomini? ho l’uso del giardino scritto nell’atto notarile in sede di accquisto dal costruttore prima che si costituisse il condominio…grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI