Business | Articoli

Rottamazione delle multe: cosa rientra nella sanatoria?

1 Dicembre 2016
Rottamazione delle multe: cosa rientra nella sanatoria?

La definizione agevolata per le multe: come funziona, cosa viene sanato, per quali importi, quanto conviene. Tutti i dettagli.

È possibile effettuare la “rottamazione” delle cartelle relative a multe?

Quella che viene definita più correttamente “definizione agevolata dei ruoli” può essere attivata anche su contravvenzioni non pagate, ma ad alcune condizioni e con minore convenienza rispetto ai tributi.

Ecco i dettagli.

Multe: come effettuare la rottamazione agevolata?

La norma [1] prevede un regime particolare per la definizione agevolata delle multe. Siccome il debito non è un tributo, bensì una sanzione, la regola generale è quella stabilita per le cartelle relative alle tasse, secondo cui vengono abbuonati gli interessi e le sanzioni: vengono dunque azzerati solo gli interessi e le maggiorazioni [2].

Non vengono dunque incluse le sanzioni: perciò le multe diventate “doppie” dopo 60 giorni dovranno continuare ad essere pagate per il doppio dell’importo, ma senza interessi e maggiorazioni.

La convenienza dunque è più limitata di quanto annunciato.

Multe: anche il reato non viene sanato

Non rientra nella sanatoria neanche il reato eventualmente correlato alla sanzione. In materia stradale i casi non sono molti, ma le pene correlate sono pesanti. Ecco i casi più comuni:

  • guida in stato di ebbrezza da 0,81 grammi/litro in su
  • guida sotto l’effetto di droghe
  • rifiuto di sottoporsi ai test su droga e alcol
  • gare clandestine su strada
  • guida senza patente
  • fuga dopo incidente con danni a persone
  • omissione di soccorso a feriti in incidente.

note

[1] L. 193/2016.

[2] L. 689/91.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube