Tech Gmail: ora puoi ricevere allegati fino a 50mb di dimensione

Tech Pubblicato il 3 marzo 2017

Articolo di




> Tech | Cos'è Tech? Pubblicato il 3 marzo 2017

Google ha deciso di aumentare la dimensione massima per gli allegati solo per la posta in entrata, ma questo forse non è un male.

Fino a ieri il limite massimo per gli allegati con Gmail era di 25mb, sia per la posta in uscita sia per quella in entrata. Google però ha ora deciso di cambiare e di raddoppiare il limite massimo, ma solo per la posta in entrata. La notizia è apparsa sul blog della G Suite a questo indirizzo.

Ora quindi è possibile ricevere messaggi per posta elettronica con allegati fino a 50mb di dimensione massima, mentre il limite per quelli in uscita è rimasto lo stesso. Non sono molti comunque i servizi di posta che consentono di inviare allegati di queste dimensioni e già 25mb sono tanti.

La novità avrà quindi un impatto minimo, e forse non è un male. Google offre gratuitamente 15gb di spazio di archiviazione. Non è quindi infinito e se si inviano e ricevono molti allegati, diventa più facile consumarlo. Aumentare il limite anche per la posta che si spedisce, ci avrebbe anche fatto consumare più velocemente lo spazio a nostra disposizione. Quando si invia una email, infatti, questa viene anche salvata nella casella della posta inviata.

Sono in pochi a ricordarsi di cancellare poi i messaggi spediti che col tempo contribuiscono all’esaurimento dello spazio di archiviazione. Se Google avesse aumentato il limite per gli allegati anche per la posta in uscita, molti si sarebbero visti spingere ad aumentare lo spazio di archiviazione acquistandolo in abbonamento. 15gb sembrano tanti, ma non lo sono visto che vanno condivisi anche con altri servizi come Google Drive.

Google offre diversi piani in abbonamento partendo da 1,99€ al mese per avere 100gb di spazio. Per avere 1tb si devono sborsare ben 9,99€ al mese, che raddoppiano se ne vogliono avere 2. Visti già i tanti abbonamenti che ci troviamo a pagare ogni mese, se possiamo risparmiarci quelli di Google non è male.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI