Diritto e Fisco | Articoli

Mancata lettura del contatore gas: gli indennizzi

22 Marzo 2017 | Autore:
Mancata lettura del contatore gas: gli indennizzi

Se il contatore del gas non viene letto bisogna essere indennizzati: ecco come.

Può accadere che la società che ci porta il gas a casa non legga il contatore nei tempi previsti dalla normativa di riferimento, e quindi emetta fatture in base a consumi stimati e non effettivi. In alcuni casi questo comportamento è illegittimo ed impone alla società distributrice di pagare degli indennizzi ai propri clienti.

Periodicità delle letture

Innanzitutto, dunque, occorre dire che la società distributrice deve leggere il contatore secondo tempi e periodicità prestabilite dall’Autorità per l’energia elettrica, il gas ed il sistema idrico [1]. In particolare, la lettura del contatore deve avvenire:

  • almeno una volta l’anno per i clienti con consumi fino a 500 metri cubi all’anno;
  • almeno due volte l’anno, per i clienti con consumi superiori a 500 metri cubi all’anno e fino a 1.500 metri cubi all’anno;
  • almeno tre volte l’anno, per i clienti con consumi superiori a 1.500 metri cubi all’anno e fino a 5.000 metri cubi all’anno;
  • almeno una volta al mese per i clienti con consumi superiori a 5.000 metri cubi all’anno.

Questi termini e queste periodicità valgono per tutti i contatori accessibili, ovvero quelli posti su strada pubblica. Un contatore del gas, infatti,  è considerato accessibile quando l’operatore dell’azienda distributrice può visionarlo senza dover richiedere ad alcuno il permesso di accesso.

Gli indennizzi previsti

Quando non vengono rispettati i termini temporali  ora indicati, ed il contatore è accessibile, allora la normativa di settore [2] prevede l’applicabilità degli indennizzi.

La misura degli indennizzi è pari ad € 35,00 per ogni lettura non effettuata nei termini. Questa cifra deve essere corrisposta al cliente entro sei mesi dalla data in cui si doveva effettuare la lettura: se non si rispetta questo termine, l’indennizzo è triplicato e quindi al cliente sarà dovuta la somma di € 105,00.

L’indennizzo deve essere calcolato in bolletta: questo significa che l’importo dell’indennizzo deve essere scorporato dalla cifra dovuta dal cliente.


note

[1] Delibera Autorità per l’energia elettrica, il gas ed il sistema idrico n. ARG/Gas64/09.

[2] Delibera Autorità per l’energia elettrica, il gas ed il sistema idrico n. 574/2013/R/Gas.

Autore immagine: Pixabay


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. si fa riferimento solo ai contatori dell’acqua ma per il gas m/c e l’elettricita KW, quali periodicità?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube