Business | Articoli

Trasmissione dati IVA: si corregge senza sanzioni

2 Dicembre 2016
Trasmissione dati IVA: si corregge senza sanzioni

Più tempo per modificare la trasmissione dati IVA trimestrale, ecco come funziona.

Sarà possibile correggere senza sanzioni la comunicazione trimestrale.

La trasmissione dei dati IVA ha fatto sollevare gli scudi dei commercialisti, che – evento raro – hanno proclamato uno sciopero della categoria per protestare contro le “false semplificazioni” delle quali abbiamo detto nei giorni scorsi, in particolare con riferimento alla trasmissione dei dati IVA trimestrali.

Sebbene le due questioni non siano direttamente legate, l’Agenzia delle Entrate, proprio in merito ai tempi di trasmissione delle fatture ha fornito negli scorsi giorni un chiarimento relativamente alle possibilità di modifica delle fatture inviate nel periodo immediatamente successivo alla trasmissione. Ecco quali novità ci sono.

Trasmissione dati IVA trimestrali: fino a quando si può correggere l’invio?

L’invio dei dati IVA trimestrali potrà essere corretto entro i 15 giorni successivi al termine di trasmissione, senza per questo dover pagare alcuna sanzione.
Per esser chiari: il termine di trasmissione delle fatture del primo trimestre del 2017 scade nell’ultimo giorno del secondo mese successivo, dunque per la trasmissione delle fatture del trimestre gennaio – marzo 2017, si ha tempo sino al 31 maggio. Se si intende modificare qualche dato, si avrà tempo sino al 15 giugno per effettuare la modifica senza incorrere in sanzioni.

Commercialisti: meglio o peggio il differimento termini trasmissione fatture?

Anche in questo caso non è detto che si faccia un “favore” alla classe dei commercialisti, probabilmente, che dalla scadenza “spalmata” su 15 giorni da una parte potrebbero avere maggiore respiro, dall’altra potrebbero allungare indefinitamente le ore di lavoro richieste dai clienti su ogni trasmissione.
Solo l’esperienza suggerirà i correttivi necessari ad un sistema che per ora pare accontentare solo la burocrazia.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube