Tech Streaming pirata: in tre mesi la Gdf chiude 290 siti

Tech Pubblicato il 6 marzo 2017

Articolo di




> Tech | Cos'è Tech? Pubblicato il 6 marzo 2017

Ecco i nuovi metodi investigativi che hanno permesso alla Guardia di finanza di oscurare 290 siti di streaming illegale di eventi sportivi e film in sala.

Negli ultimi tre mesi la Guardia di finanza ha oscurato ben 290 siti per violazione del diritto d’autore. Un duro colpo alla pirateria online che è stato realizzato grazie all’utilizzo di nuove tecniche investigative.

Sui siti oscurati dalle Unità Speciali della Guardia di Finanza era possibile trovare streaming di contenuti illegali come film in sala o dirette di eventi sportivi. Secondo la Fapav, Federazione per la tutela dei contenuti audiovisivi e multimediali, la pirateria audiovisiva in Italia riguardava prima di queste operazioni ben il 37% dei contenuti diffusi sul web con un danno economico di circa 500 milioni di euro.

Sempre secondo la Fapav, il 34% dei film era già disponibile online il primo giorno della sua uscita in sala. Dati che la dicono lunga sul fenomeno della pirateria online. Per porvi rimedio e mettere un freno, sono già diverse le operazioni condotte dalle forze dell’ordine. L’ultima in ordine di tempo è quella chiamata Odissea 3 che ha portato all’oscuramento di 41 siti.

Un lavoro lodevole che la Guardia di finanza è riuscita a portare a termine attraverso due nuove tecniche investigative, follow the money e follow the hosting. La prima, già nota da tempo, è una tecnica che consiste nel seguire i flussi di denaro generati dalla pubblicità presente sui siti di streaming illegale.

La seconda, invece, chiama in causa direttamente i provider italiani. Molti di questi siti utilizzano dei sistemi di anonimato basati sul cloud come Cloudflare per far risultare i server all’estero e cercare di farla franca. Quando le forze dell’ordine trovano un sito che distribuisce contenuti illegali, chiede ai provider di verificare la presenza di un servizio “Web Hosting, Cloud Hosting, VPS Hosting, Server Dedicato” e così risalire al reale intestatario del sito.

Grazie all’adozione di queste nuove tecniche, la lotta alla pirateria online è diventata molto più efficace e per i furbetti dello streaming diventa molto più difficile farla franca.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Se facessero pagare meno l’ingresso in sala non succederebbe,20 €,è troppo, poi i pirati del web sono molto bravi

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI