HOME Articoli

Lo sai che? Quando posso liberarmi da una fideiussione?

Lo sai che? Pubblicato il 26 marzo 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 26 marzo 2017

Ho firmato una fideiussione a favore della banca per un fido per la società di cui ero legale rappresentante, poi fallita; la banca, chiuso il fallimento, ha venduto il credito. Se e quando mi libererò dalla fideiussione?

Il codice civile [1] prevede che per effetto della cessione, il credito viene trasferito al cessionario comprensivo di tutti gli accessori, degli eventuali privilegi ed anche delle garanzie reali e personali (fideiussione). Infatti, una volta prestata, la fideiussione, proprio perché garanzia accessoria rispetto all’obbligazione principale, segue la sorte del debito principale e permane sino a quando quest’ultimo non venga meno per pagamento o per prescrizione (dieci anni dalla chiusura dal fallimento ovvero dalla cessione se questa è stata comunicata).

In sintesi, la liberazione del fideiussore è strettamente legata alle sorti del debito principale. Peraltro, nel caso in questione, ipotizzare il recesso è poco vantaggioso, in quanto, trattandosi di fideiussione prestata a garanzia di una apertura di credito in conto corrente senza predeterminazione di durata, il fideiussore che recede è responsabile del debito del correntista risultante dal saldo al momento della chiusura del conto, pur se la sua obbligazione non può superare l’ammontare dell’esposizione debitoria esistente al tempo in cui il recesso è manifestato. È questo un orientamento giurisprudenziale ormai pacifico, confermato anche di recente: il recesso del fideiussore dalla garanzia prestata per i debiti di un terzo, derivanti da un rapporto di apertura di credito bancario in conto corrente destinato a prolungarsi ulteriormente nel tempo, produce l’effetto di circoscrivere l’obbligazione accessoria al saldo del debito esistente al momento in cui il recesso medesimo è diventato efficace [2].

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Mario Mari

note

[1] Art. 1263 cod. civ.

[2] Cass. sent. n. 9848 del 15.06.2012.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI