Business | Articoli

Modulo Equitalia rottamazione cartelle, versione aggiornata

3 Dicembre 2016
Modulo Equitalia rottamazione cartelle, versione aggiornata

Il DL fiscale diventa legge ed è disponibile il nuovo modulo per la definizione agevolata delle cartelle: eccolo nel nostro articolo, pronto da scaricare.

Il modulo di definizione agevolata delle cartelle, che sino ad oggi poteva ancora riportare solo la versione della “rottamazione” con 4 rate, è stato aggiornato.

Il DL fiscale approvato e pubblicato solo ieri in Gazzetta Ufficiale, ha difatti reso definitiva la possibilità di usufruire della definizione agevolata anche per le cartelle del 2016, e di pagare in 5 rate (e non più in 4) e spalmate sino al 2018 (e non solo fino al 2017).

Nuovo modulo Equitalia: come sono divisi i pagamenti?

I pagamenti sono spalmati in 5 rate dal luglio 2017 al settembre 2018. Resta comunque l’obbligo, quello di pagare entro il 2017 il 70% del dovuto, rimandando al 2018 il solo 30% dell’importo.

Per la precisione le 5 rate disponibili, come lo stesso modulo specifica, sono le seguenti:

  • luglio 2017 (24% del dovuto);
  • settembre 2017 (23% del dovuto);
  • novembre 2017 (23% del dovuto);
  • aprile 2018 (15% del dovuto);
  • settembre 2018 (15% del dovuto).

Dunque per una cartella di mille euro avremo i seguenti pagamenti:

  • luglio 2017: 240 euro
  • settembre 2017: 230 euro
  • novembre 2017: 230 euro
  • aprile 2018: 150 euro
  • settembre 2018: 150 euro.

Scaricare il nuovo modulo rottamazione cartelle Equitalia

Il nuovo modulo prevede naturalmente anche l’indirizzario delle PEC delle sezioni locali di Equitalia a cui inviare la richiesta di definizione agevolata.

Potete scaricare il modulo nella nostra sezione in pratica.


01| Scarica il modulo rottamazione cartelle Equitalia aggiornato a dicembre 2017.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube