Questo sito contribuisce alla audience di
Business | Articoli

Modulo Equitalia rottamazione cartelle, versione aggiornata

3 Dicembre 2016
Modulo Equitalia rottamazione cartelle, versione aggiornata

Il DL fiscale diventa legge ed è disponibile il nuovo modulo per la definizione agevolata delle cartelle: eccolo nel nostro articolo, pronto da scaricare.

Il modulo di definizione agevolata delle cartelle, che sino ad oggi poteva ancora riportare solo la versione della “rottamazione” con 4 rate, è stato aggiornato.

Il DL fiscale approvato e pubblicato solo ieri in Gazzetta Ufficiale, ha difatti reso definitiva la possibilità di usufruire della definizione agevolata anche per le cartelle del 2016, e di pagare in 5 rate (e non più in 4) e spalmate sino al 2018 (e non solo fino al 2017).

Nuovo modulo Equitalia: come sono divisi i pagamenti?

I pagamenti sono spalmati in 5 rate dal luglio 2017 al settembre 2018. Resta comunque l’obbligo, quello di pagare entro il 2017 il 70% del dovuto, rimandando al 2018 il solo 30% dell’importo.

Per la precisione le 5 rate disponibili, come lo stesso modulo specifica, sono le seguenti:

  • luglio 2017 (24% del dovuto);
  • settembre 2017 (23% del dovuto);
  • novembre 2017 (23% del dovuto);
  • aprile 2018 (15% del dovuto);
  • settembre 2018 (15% del dovuto).

Dunque per una cartella di mille euro avremo i seguenti pagamenti:

  • luglio 2017: 240 euro
  • settembre 2017: 230 euro
  • novembre 2017: 230 euro
  • aprile 2018: 150 euro
  • settembre 2018: 150 euro.

Scaricare il nuovo modulo rottamazione cartelle Equitalia

Il nuovo modulo prevede naturalmente anche l’indirizzario delle PEC delle sezioni locali di Equitalia a cui inviare la richiesta di definizione agevolata.

Potete scaricare il modulo nella nostra sezione in pratica.


01| Scarica il modulo rottamazione cartelle Equitalia aggiornato a dicembre 2017.


Sostieni laleggepertutti.it

"La Legge per Tutti" è una testata giornalistica indipendente che da oltre 10 anni informa gratuitamente milioni di persone ogni mese senza il supporto di finanziamenti pubblici. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube