HOME Articoli

Lo sai che? Bollette: la domiciliazione bancaria conviene veramente?

Lo sai che? Pubblicato il 8 marzo 2017





> Lo sai che? Pubblicato il 8 marzo 2017

Prima di farsi addebitare le bollette di luce, acqua, gas e telefono sul proprio conto corrente, occorre considerare attentamente tutti i pro e i contro.

La domiciliazione delle bollette di luce, acqua, gas o telefono, ovvero l’addebito degli importi fatturati direttamente sul conto corrente o sulla carta di credito dell’utente, è sicuramente la modalità di riscossione preferita dalle società operanti nel settore della telefonia o dell’energia, che, infatti, ne incoraggiano la diffusione. La ragione è facilmente comprensibile: questo sistema di pagamento assicura l’immediata riscossione degli importi fatturati, senza ritardi. Ma per i consumatori è ugualmente conveniente? Per poter rispondere occorre valutarne accuratamente i pro e i contro.

Aspetti positivi: pagamento semplice e senza spese

Il fatto che le somme corrispondenti agli importi fatturati vengano prelevati direttamente sul conto dell’utente a cui è intestato il contratto, ha l’indubbio vantaggio di rendere il pagamento molto semplice. L’utente non dovrà più recarsi presso la posta, la banca o qualsiasi altro punto autorizzato a ricevere il pagamento con bollettino, né dovrà ricordarsi di farlo on line, tramite il proprio conto corrente. Allo stesso tempo non gli saranno addebitate né le spese di spedizione della bolletta, né i costi relativi al pagamento del bollettino, come avviene quando ci si reca personalmente a pagare.

Nessun deposito cauzionale

La scelta della domiciliazione, inoltre, prevede l’esenzione dal versamento del deposito cauzionale, che nei contratti per l’erogazione di gas, energia elettrica ed acqua è applicato a tutti gli utenti [1].

Possibilità di beneficiare di sconti o promozioni

Per far sì che un numero sempre maggiore di utenti scelgano la domiciliazione delle bollette, numerose società operanti nel settore dell’energia o delle comunicazioni hanno previsto specifiche offerte promozionali, riservate esclusivamente a coloro che adottano tale sistema di pagamento: si va, ad esempio, dagli sconti sui canoni di abbonamento, fino alla concessione gratuita di alcuni servizi.

Aspetti negativi: il prelievo avviene automaticamente, anche se gli importi fatturati non sono corretti

Il meccanismo della domiciliazione bancaria, tuttavia, proprio per via della riscossione automatica degli importi fatturati, può rivelarsi un’arma a doppio taglio, in tutti quei casi in cui in una bolletta domiciliata siano indicati importi che si rivelano errati, ad esempio perché calcolati sulla base di consumi stimati, superiori a quelli reali.

In questo caso, sebbene teoricamente sia possibile bloccare, presso la banca, il pagamento della bolletta contestata, in attesa della sua correzione o del ricalcolo degli importi, in realtà può accadere che l’utente non si accorga per tempo dell’errore e che le somme vengano prelevate dal conto, prima che ne sia bloccato il pagamento.

L’obbligo di controllare costantemente i propri consumi

Pertanto, dal momento che il ricorso ai consumi stimati e il conseguente addebito di importi elevati è una prassi estremamente diffusa fra gli operatori, per evitare spiacevoli sorprese, l’utente sarà costretto ad effettuare un controllo continuo e costante dei propri consumi, di modo che, se riscontra delle anomalie, può intervenire tempestivamente, contestando la bolletta e bloccandone il pagamento.

Il beneficio dato dalla semplificazione dei pagamenti, viene perciò annullato dall’obbligo di tenere costantemente sotto controllo i propri consumi, se si vuole evitare il pericolo di prelievi di somme elevate, dal proprio conto corrente.

I casi in cui il controllo è difficoltoso

Ci possono essere, però, alcune situazioni in cui il controllo dei consumi è particolarmente difficoltoso: si consideri il caso esemplare in cui un genitore abbia scelto di domiciliare sul proprio conto le fatture relative al contratto di telefonia mobile e navigazione internet del proprio figlio minorenne. In questo caso la verifica della correttezza delle somme addebitate, ad esempio in caso di consumi extrasoglia o di attivazione non richiesta di servizi a pagamento, può essere molto complicata.

Il recupero degli importi prelevati dal conto corrente

L’ultimo aspetto da considerare riguarda la difficoltà, per gli utenti, di recuperare le somme già prelevate dal proprio conto corrente bancario.

Accade frequentemente che gli operatori, mentre si mostrano particolarmente solerti nel prelevare dal conto corrente degli utenti gli importi che essi ritengono a loro dovuti, non siano ugualmente collaborativi al momento di restituire le somme, nel caso in cui emerga un errore nella fatturazione.

Soprattutto in quei casi in cui si renda necessario ricostruire l’andamento dei consumi, può accadere che essi insistano nel ritenere corretti gli addebiti effettuati, rifiutandosi di restituire le somme; in questo caso può addirittura rendersi necessario il ricorso all’azione legale, con aumento dei costi e dei tempi.

Oppure può accadere che la restituzione avvenga sotto forma di sconto sugli importi delle successive bollette, cosa che comunque impone all’utente di verificare attentamente che i consumi siano conteggiati correttamente, altrimenti il rischio è quello di sprecare questo bonus.

Dal punto di vista pratico, in definitiva, non è possibile né affermare, né smentire il fatto che la domiciliazione bancaria sia conveniente per gli utenti, perché questa valutazione muta a seconda dei singoli casi concreti.

L’unico consiglio utile, pertanto, è quello di non lasciarsi attrarre esclusivamente dalle offerte promozionali o dagli sconti, proposti dagli operatori, ma di valutare attentamente la propria situazione specifica, per giungere ad una conclusione consapevole, tenendo conto di tutti i pro ed i contro di questo metodo di pagamento e cercando di capire se, adottandolo, si possono correre dei rischi economici.

note

[1] A partire dal 1 giugno 2014 e su disposizione dell’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico, al momento della stipula del contratto, è previsto il versamento di una somma, a titolo di deposito cauzionale, per garantire le società, nel caso in cui l’utente risulti moroso.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

3 Commenti

  1. Se ci si accorge che è stato addebitato un importo che si giudica errato si può chiedere alla banca di stornare tale addebito. L’operazione può essere richiesta entro 8 settimane dalla data di addebito e il riaccredito della somma è immediato.

    1. I vantaggi della domiciliazione bancaria sono notevoli. In aggiunta ai piccoli risparmi necessita tenere conto del tempo che non si dedica a questi pagamenti. L’errore può esserci comunque è, come dice, la lettrice Iole ci sono 8 settimane di tempo per richiedere storni o rimborsi direttamente con la propria banca/posta. Diverso l’addebito su carta di credito che molto gestori telefonici impongono per beneficiare di offerte. Su questo bisognerebbe porre più attenzione.

  2. Buongiorno Sig.ri Claudio e Iole, in merito alla Vostra obiezione circa la restituzione delle somme addebitate con la domiciliazione bancaria va tenuto conto che se è sicuramente vero quanto dite e cioè che l’utente può chiedere alla banca la restituzione delle somme, entro 8 settimane dall’addebito, è anche vero che va considerata ogni possibile situazione: basti pensare a quegli utenti che, non essendo pratici dell’utilizzo dell’home banking (ovvero i portali delle banche, che permettono di effettuare on line tutte le operazioni di pagamento, in molti casi senza nemmeno la commissione) controllano il proprio conto corrente solo attraverso gli estratti conto, che in alcuni casi sono inviati trimestralmente. Questi utenti potrebbero rendersi conto degli addebiti ben oltre le otto settimane, quindi fuori tempo massimo per chiedere la restituzione alla propria banca.
    La casistica è veramente troppo varia e vasta per essere esaminata in un unico articolo, per tale ragione ho ritenuto di concludere dicendo che non è possibile prendere una posizione netta in merito alla positività o negatività della domiciliazione, proprio perché ogni valutazione può cambiare in ragione della singola situazione dell’utente ed, alle sue abitudini. Per questo, prima di scegliere è opportuno informarsi in maniera approfondita e scrupolosa. Approfitto per ringraziarVi per la Vostra utile segnalazione.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI