Diritto e Fisco | Articoli

Contatore del vicino nel mio garage: c’è usucapione?

29 marzo 2017


Contatore del vicino nel mio garage: c’è usucapione?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 29 marzo 2017



Ho acquistato un garage in un condominio; c’è un contatore che alimenta il garage attiguo. Può il proprietario avvalersi dell’usucapione, per reclamare il diritto acquisito?

La presenza all’interno della proprietà del lettore di un contatore per l’energia elettrica a servizio esclusivo di diversa proprietà confinante legittima il titolare di quest’ultima a rivendicare nei suoi confronti quantomeno un diritto di accesso al suo garage per tutti gli interventi necessari sul contatore medesimo. La situazione venutasi a creare è giuridicamente riconducibile a un diritto di servitù [1] a carico della proprietà del lettore e a favore dell’autorimessa confinante avente a oggetto l’accesso al contatore, dal momento che senza l’ingresso nel suo garage sarebbe materialmente impossibile per il vicino il pieno esercizio del suo diritto di proprietà con riferimento alla gestione dell’energia elettrica. Pertanto, ove la suddetta servitù non sia già menzionata nel rogito di acquisto del suo garage, il proprietario confinante potrà rivolgersi al giudice per richiedere l’accertamento del corrispondente diritto. L’azione concretamente esercitabile dal confinante potrà essere quella di usucapione di servitù, la quale tuttavia necessita della dimostrazione dell’avvenuto esercizio del diritto in maniera continuativa per vent’anni senz’alcuna rivendicazione altrui, oppure l’azione confessoria [2] tesa a ottenere altresì la condanna alla cessazione delle turbative la quale, invece, necessita della dimostrazione del titolo di acquisto della suddetta servitù. Quest’ultimo potrà essere derivativo, come nel caso in cui la servitù fosse già menzionata nel rogito di acquisto, oppure originario come nel caso dell’usucapione e della destinazione di fatto da parte dell’originario unico proprietario di entrambe le autorimesse [3]. Per tale ragione si può suggerire, anche al fine di evitare fonti di contenzioso con la proprietà confinante e previo accordo con quest’ultima, lo spostamento del contatore suddetto all’interno del garage di cui è diretta pertinenza così da escludere definitivamente qualunque diritto altrui sulla proprietà del lettore.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Enrico Braiato

note

[1] Artt. 1027 e ss. cod. civ.

[2] Regolata dall’art. 1079 cod. civ.

[3] Art. 1062 cod. civ. Si veda Cass. n. 10238 del 02.05.2013.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI