Business | Articoli

Avvocati: 1000 euro per figli successivi al secondo

3 Dicembre 2016 | Autore:
Avvocati: 1000 euro per figli successivi al secondo

La cassa indice un bando per i figli successivi al secondo, ecco come fare domanda e il bando per ottenere mille euro a figlio

Bando di supporto al welfare della cassa forense, dopo il bando dedicato a chi ha avuto un figlio nel 2016 ecco il bando specificatamente dedicato a chi ha già due figli e nel 2016 ha avuto il terzo bimbo. Ecco i dettagli.

Bando figli successivi al secondo cassa forense: chi può fare domanda?

Possono beneficiare della provvidenza gli iscritti alla Cassa genitori di un figlio nato nel 2016 e successivo al secondo o che nel corso dell’anno 2016 abbiano adottato un figlio successivo al secondo.

In caso di richiesta di entrambi i genitori, il contributo potrà essere assegnato ad un solo genitore.

Il limite non è superabile neanche in caso di separazione, in questo caso difatti il bonus può essere fruito (previa disponibilità dei fondi come sempre) dal genitore cui spetta il collocamento prevalente del minore.

Per poter fare domanda bisognerà essere in regola con le comunicazioni reddituali alla Cassa.

Non sono necessari limiti di reddito come avviane invece nel caso dei bandi dedicati ai giovani avvocati che hanno avuto un figlio nel 2016.

Qual è l’importo del bonus cassa forense terzo figlio?

L’importo erogato è di 1000 euro, tuttavia la dotazione finanziaria di questo bando è di 500mila euro, dunque si accetteranno domande sino alla concorrenza di quella cifra. La graduatoria sarà stilata con criterio inversamente proporzionale al reddito dichiarato.

Bonus Cassa forense terzo figlio: come fare domanda?

Per fare domanda è necessario compilare l’apposito modulo disponibile nella nostra sezione in pratica, dove troverete anche il bando di concorso.

L’importo erogato sarà 1.000 euro (fino alla concorrenza dello stanziamento complessivo pari a 500mila euro).

Al modulo, debitamente compilato, dovrà essere allegata la seguente documentazione:

  • a) certificato di nascita del figlio di cui all’art. 2 con annotazione dell’eventuale adozione;
  • b) certificato di stato di famiglia rilasciato in data non anteriore a tre mesi;
  • c) dichiarazione 2016 relativa ai redditi 2015 del richiedente e dell’altro genitore ove non separato legalmente/divorziato;
  • d) copia di un documento di identità, in corso di validità, del richiedente;
  • e) copia del codice fiscale del richiedente;
  • f) copia eventuale sentenza di divorzio o di separazione.

Cassa forense: altri bandi di welfare

Sono disponibili altri bandi della cassa forense, ecco quali:


01| Scarica il bando bonus figlio successivo al secondo 2016 della cassa forense;

02| Scarica il modulo di domanda;

03| Allega i documenti richiesti per come descritto nell’articolo

04| Invia il modulo di domanda all’indirizzo istituzionale@cert.cassaforense.it.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube