HOME Articoli

Lo sai che? Fondo patrimoniale: tutte le domande, tutte le risposte

Lo sai che? Pubblicato il 25 settembre 2012

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 25 settembre 2012

Tutelare la casa dai debiti e dalle pendenze con Equitalia si può: ma a determinate condizioni. Ecco una serie di F.A.Q. elaborate sulla base delle vostre più frequenti domande presentate negli scorsi articoli sul Fondo Patrimoniale.

A cosa serve il fondo patrimoniale?

Il fondo serve per creare un patrimonio separato rispetto a quello dei singoli coniugi. Esso può essere composto da beni immobili (per es. la casa di abitazione), titoli di credito (per esempio azioni di s.p.a., ma non quote di s.r.l.), beni mobili registrati (autoveicoli, imbarcazioni, aeromobili) e universalità di mobili. Tale patrimonio, destinatoal soddisfacimento dei bisogni della famiglia [1], serve per “mettere al riparo” detti beni dai debiti contratti per spese extrafamiliari, in modo da preservarli per futuri momenti di necessità del nucleo stesso.

I beni destinati nel fondo patrimoniale non possono più essere aggrediti da nessun creditore?

Falso.

1) I beni inseriti nel fondo sono aggredibili sempre nel caso di debiti contratti per soddisfare i bisogni della famiglia.

2) I beni del fondo non sono invece attaccabili per i debiti contratti per bisogni estranei alla famiglia ma purché:

— a) tali obbligazioni siano insorte dopo la costituzione del fondo

— b) o, nel caso di obbligazioni sorte anteriormente, siano decorsi cinque anni dalla costituzione del fondo.

Se invece non sono ancora decorsi cinque anni dalla costituzione del fondo, i creditori per debiti esterni alla famiglia, sorti anteriormente alla costituzione del fondo, possono impugnare il fondo con l’azione revocatoria (v. sotto). Essi però devono dimostrare che il debitore ha costituito il fondo con l’unico intento di frodare i creditori.

Ho dei vecchi debiti. Posso costituire il fondo per tutelare la mia casa?

Certamente. Il fondo può essere costituito in qualsiasi momento. Ma, affinché la tutela sia definitiva, è bene attendere cinque anni, affinché sia venuta meno la possibilità, per i creditori, di esperire la revocatoria (v. sotto).

Ho contratto un mutuo per l’acquisto dell’immobile che ho adibito ad abitazione su cui la banca ha iscritto ipoteca. Posso costituire il fondo patrimoniale?

Si può costituire il fondo patrimoniale; tuttavia esso non mette in salvo la casa dall’ipoteca della banca. L’ipoteca rimane comunque. Pertanto, in caso di mancato pagamento del mutuo, la banca potrà effettuare esecuzione forzata sulla casa e metterla in vendita.

Ho contratto debiti con banche ed Equitalia. Costoro non hanno ancora agito per la riscossione. Posso costituire il fondo?

Si può costituire il fondo, ma diverrà inattaccabile solo dopo cinque anni dalla sua costituzione [2].

Cos’è la revocatoria? La revocatoria fa venire meno il fondo patrimoniale?

La revocatoria è un’azione legale volta a rendere inefficace il fondo. Essa può essere compiuta dai creditori che ritengano che il fondo sia stato costituito unicamente per frodarli. Costoro però avranno l’onere di provate tale intento fraudolento del debitore, altrimenti perderanno la causa.

La revocatoria rende inefficace l’atto solo nei confronti del creditore che ha agito in causa e che risulti vittorioso nel relativo giudizio revocatorio. Costui, nel soddisfare il proprio credito, potrà considerare come mai avvenuta la costituzione del fondo.

Sono amministratore (o socio) di una S.r.l. (o di una S.p.a.). Ho rilasciato fideiussione alla banca che mi ha concesso il fido. Posso tutelare la mia casa col fondo patrimoniale?

Dei debiti della società risponde solo quest’ultima con il proprio patrimonio e non invece gli amministratori o i singoli soci (i cui beni restano inattaccabili).

Tuttavia, nel caso in cui tali soggetti abbiano firmato una fideiussione alla banca, quest’ultima potrà agire separatamente e autonomamente nei confronti del fideiussore. Solo se il garante avrà avuto l’accortezza di costituire il fondo prima della stipula della fideiussione, egli potrà opporre alla banca l’estraneità del debito ai bisogni della famiglia e quindi salvare i beni nel fondo (salve comunque le regole della revocatoria appena dette).

Il fondo cessa al compiere della maggiore età dell’ultimo figlio?

Condizione per la costituzione del fondo è che tra due persone vi sia un regolare matrimonio. Solo lo scioglimento del matrimonio (per decesso o annullamento) o la cessazione dello stesso (nel caso di divorzio e non di semplice separazione) comporta la cessazione del fondo.

In caso di scioglimento o cessazione del matrimonio in presenza di figli minori, il fondo dura fino al compimento della maggiore età dell’ultimo figlio. In tal caso, il tribunale dei minori autorizza gli atti per l’amministrazione del fondo stesso [3].

note

[1] Art. 167 c.c.

[2] Art. 2903 c.c.

[3] Art. 171, II comma, c.c.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

113 Commenti

  1. sono in separazione dei beni ho un appartamento al 50 con mio marito debitore con equitalia come posso difendere questa eredita per i miei figli faccio un fondo patrimoniale volevo anche comprare il 50 di mio marito ma la cosa diventa molto dispendiosa grazie un consiglio

  2. sono un imprenditire a causa della crisi

    i ho dovuto mettere in liquidazione la societa ho debiti con 3 banche ma solo una ha chiesto la revocatoria dopo 4 anni e 10 mesi dalla data atto . con questa banca sono x vie legali .chiedo sequesta banca vince la causa possono le altre 2 rivalersi sulla revocatoria anche se ora son passati 5 anni dall’atto?

  3. Salve,
    sto per comprare un immobile inserito in un fondo patrimoniale in presenza di figli minori. Ottenuta l’autorizzazione del giudice tutelare, il mio acquisto potrebbe presentare ulteriori rischi in ordine a tale profilo?

  4. Salve vorrei sapere se dopo aver costituito un fondo patrimoniale con un bene immobile, posso in qualunque momento, a prescindere dalla cessazione degli effetti civili del matrimonio o dal divorzio, revocarlo e utilizzare il bene a qualunque altro scopo. Grazie

  5. buongiorno volevo fare una domanda si puo inserire lo stipendio nel fondo patrimoniale? un modo che non possa essere pignorato da vecchi debiti..grazie

  6. Buongiorno;
    Ho una casa di proprietà, inoltre i miei genitori circa 8 anni fa hanno stipulato un fondo patrimoniale per tutelare la casa. Sottolineo che i miei genitori hanno l’usufrutto su tale immobile. Mio padre nel 2009 è deceduto, così ho chiesto ad un Avv. se il fondo fosse decaduto, ma mi ha risposto che il fondo patrimoniale è ancora attivo in quanto mia madre è ancora viva. Vorrei sapere se è proprio così visto che ho letto che in caso di decesso di uno dei due coniugi il fondo decade.
    Ho una ditta, una snc, e purtroppo a causa di innumerevoli insoluti ho contratto dei debiti, ancora nessun creditore si è mosso. Il mio avvocato mi ha consigliato di fare una donazione dell’immobile alla mia compagna e lasciare l’usufrutto di mia madre. Secondo lei facendo in questo modo, la casa sarà tutelata?
    Visto che la donazione può essere impugnata entro 5 anni, l’Avv. mi ha rassicurato dicendo che è molto difficile che un creditore possa impugnare una donazione anche perché è una procedura molto costosa. Solo coloro che vantano un debito di una cifra consistente allora potrebbero impugnarla, altrimenti non lo farebbe nessuno. E’ vero?? Grazie

  7. io e mia moglie abbiamo contratto debiti con banche, finanziarie ed equitalia (causa perdita lavoro)…abbiamo avviato una società srl ma stenta a decollare…non abbiamo proprietà! le società di recupero crediti possono intervenire sulla nostra società? non so cosa fare…

  8. Buongiorno, il mio dubbio: fondo patrimoniale stipulato da più di 5 anni, quindi non “attaccabile”; se tolgo un bene dal fondo devono passare altri 5 anni per essere non “attaccabile” o continua a non esserlo?
    Grazie in anticipo.

    1. @Gioacchino Dieli: solo l’introduzione di nuovi beni nel fondo rende gli stessi aggregabili nei successivi cinque anni, non anche l’eliminazione.

  9. buongiorno io vorrei chiedere……i miei genitori hanno un fondo patrimoniale,ho perso la mamma poco tepo fa e mio padre ha chiuso il conto cointestato con ia mamma dove tenevano il fondo patrimoniale appunto…ora…..questo fondo io padre ha potuto trasferirlo sul suo nuovo conto corrente oppure rimangono li nel deposito bancario?grazie mille

  10. buongiorno, si può stipulare fondo patrimoniale su casa anche se si sta pagando ancora il mutuo? a chi ci si deve rivolgere? Notaio? avvocato? e qual è il costo di tale operazione?
    grazie

  11. Buongiorno,
    Sono interessato ad un immobile all’asta su cui è stato costituito un Fondo Patrimoniale per il fabbisogno della famiglia ( non so se è annotato). Tale fondo è stato costituito prima del pignoramento ma subito dopo un iscrizione ipotecaria a garanzia di un mutuo.
    Da quello che ho potuto leggere per la vendita all’asta non dovrebbero esserci problemi visto che l’ipoteca è anteriore, il mio problema è sulla futura rivendita dell’immobile visto che tale trascrizione non viene, di regola, cancellata dal giudice dell’esecuzione. Come farei poi per cancellarla? Si dovrebbe iniziare un procedimento sommario di cognizione dinanzi al giudice ordinario? la controparte chi sarebbe? quali costi e quali tempi?

  12. buonasera, se possibile avrei un quesito. Io e mio marito siamo in separazione dei beni e abbiamo 2 figli minorenni, nel 2012 abbiamo costituito un fondo patrimoniale. Adesso abbiamo necessità di eseguire dei lavori di ristrutturazione dell’immobile ed io potrei chiedere anticipo del TFR che mi viene negato in quanto non proprietaria o comproprietaria dell’immobile. Ma di fatto dopo la stipula del fondo non risulto proprietaria anche io? grazie

  13. Nel caso della vendita giudiziaria di un immobile all’asta cosa rischia l’acquirente in caso di formalità non suscettibili di cancellazione.
    Nello specifico limmobile era in un fondo patrimoniale revocato nei confronti della parte attrice per il 50% indiviso di proprietà del coniuge esecutato (in comunione legale dei beni con il coniuge non debitore)

  14. Salve, ho sposato mia moglie in regime di separazione dei beni, successivamente ho acquistato un immobile di mia esclusiva proprietà con il quale ho costituito un fondo patrimoniale a garanzia. Successivamente mia moglie, che non è proprietaria dell’immobile ed è sposata con me in regime di separazione dei beni, ha contratto dei debiti. È possibile che i creditori di mia moglie possano rivalersi sull’immobile inserito nel fondo patrimoniale che gestiamo insieme ma che è di mia esclusiva proprietà ?

  15. Buongiorno. Ho un’attività commerciale e vorrei tutelare la casa, di proprietà mia e del mio ex marito e del quale io ho l’usufrutto quale residenza principale dei due figli minori, da eventuali futuri momenti di crisi. L’immobile è libero da ipoteche e non è a garanzia di alcun prestito né personale né aziendale.
    Vorrei un consiglio su come tutelare il bene dei miei figli.
    Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI