Diritto e Fisco | Articoli

Fondo patrimoniale: tutte le domande, tutte le risposte

25 Settembre 2012
Fondo patrimoniale: tutte le domande, tutte le risposte

Tutelare la casa dai debiti e dalle pendenze con Equitalia si può: ma a determinate condizioni. Ecco una serie di F.A.Q. elaborate sulla base delle vostre più frequenti domande presentate negli scorsi articoli sul Fondo Patrimoniale.

A cosa serve il fondo patrimoniale?

Il fondo serve per creare un patrimonio separato rispetto a quello dei singoli coniugi. Esso può essere composto da beni immobili (per es. la casa di abitazione), titoli di credito (per esempio azioni di s.p.a., ma non quote di s.r.l.), beni mobili registrati (autoveicoli, imbarcazioni, aeromobili) e universalità di mobili. Tale patrimonio, destinatoal soddisfacimento dei bisogni della famiglia [1], serve per “mettere al riparo” detti beni dai debiti contratti per spese extrafamiliari, in modo da preservarli per futuri momenti di necessità del nucleo stesso.

I beni destinati nel fondo patrimoniale non possono più essere aggrediti da nessun creditore?

Falso.

1) I beni inseriti nel fondo sono aggredibili sempre nel caso di debiti contratti per soddisfare i bisogni della famiglia.

2) I beni del fondo non sono invece attaccabili per i debiti contratti per bisogni estranei alla famiglia ma purché:

— a) tali obbligazioni siano insorte dopo la costituzione del fondo

— b) o, nel caso di obbligazioni sorte anteriormente, siano decorsi cinque anni dalla costituzione del fondo.

Se invece non sono ancora decorsi cinque anni dalla costituzione del fondo, i creditori per debiti esterni alla famiglia, sorti anteriormente alla costituzione del fondo, possono impugnare il fondo con l’azione revocatoria (v. sotto). Essi però devono dimostrare che il debitore ha costituito il fondo con l’unico intento di frodare i creditori.

Ho dei vecchi debiti. Posso costituire il fondo per tutelare la mia casa?

Certamente. Il fondo può essere costituito in qualsiasi momento. Ma, affinché la tutela sia definitiva, è bene attendere cinque anni, affinché sia venuta meno la possibilità, per i creditori, di esperire la revocatoria (v. sotto).

Ho contratto un mutuo per l’acquisto dell’immobile che ho adibito ad abitazione su cui la banca ha iscritto ipoteca. Posso costituire il fondo patrimoniale?

Si può costituire il fondo patrimoniale; tuttavia esso non mette in salvo la casa dall’ipoteca della banca. L’ipoteca rimane comunque. Pertanto, in caso di mancato pagamento del mutuo, la banca potrà effettuare esecuzione forzata sulla casa e metterla in vendita.

Ho contratto debiti con banche ed Equitalia. Costoro non hanno ancora agito per la riscossione. Posso costituire il fondo?

Si può costituire il fondo, ma diverrà inattaccabile solo dopo cinque anni dalla sua costituzione [2].

Cos’è la revocatoria? La revocatoria fa venire meno il fondo patrimoniale?

La revocatoria è un’azione legale volta a rendere inefficace il fondo. Essa può essere compiuta dai creditori che ritengano che il fondo sia stato costituito unicamente per frodarli. Costoro però avranno l’onere di provate tale intento fraudolento del debitore, altrimenti perderanno la causa.

La revocatoria rende inefficace l’atto solo nei confronti del creditore che ha agito in causa e che risulti vittorioso nel relativo giudizio revocatorio. Costui, nel soddisfare il proprio credito, potrà considerare come mai avvenuta la costituzione del fondo.

Sono amministratore (o socio) di una S.r.l. (o di una S.p.a.). Ho rilasciato fideiussione alla banca che mi ha concesso il fido. Posso tutelare la mia casa col fondo patrimoniale?

Dei debiti della società risponde solo quest’ultima con il proprio patrimonio e non invece gli amministratori o i singoli soci (i cui beni restano inattaccabili).

Tuttavia, nel caso in cui tali soggetti abbiano firmato una fideiussione alla banca, quest’ultima potrà agire separatamente e autonomamente nei confronti del fideiussore. Solo se il garante avrà avuto l’accortezza di costituire il fondo prima della stipula della fideiussione, egli potrà opporre alla banca l’estraneità del debito ai bisogni della famiglia e quindi salvare i beni nel fondo (salve comunque le regole della revocatoria appena dette).

Il fondo cessa al compiere della maggiore età dell’ultimo figlio?

Condizione per la costituzione del fondo è che tra due persone vi sia un regolare matrimonio. Solo lo scioglimento del matrimonio (per decesso o annullamento) o la cessazione dello stesso (nel caso di divorzio e non di semplice separazione) comporta la cessazione del fondo.

In caso di scioglimento o cessazione del matrimonio in presenza di figli minori, il fondo dura fino al compimento della maggiore età dell’ultimo figlio. In tal caso, il tribunale dei minori autorizza gli atti per l’amministrazione del fondo stesso [3].


note

[1] Art. 167 c.c.

[2] Art. 2903 c.c.

[3] Art. 171, II comma, c.c.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

113 Commenti

  1. Salve, ho istituito un mese fa un fondo patrimoniale, adesso il mio commercialista mi chiede circa € 900 annui per la gestione e contabilità dello stesso, cosa di cui ero completamente ignaro, la domanda è semplice, ci sono dei costi di gestione da affrontare per un fondo patrimoniale?

  2. PER MICHELE: la gestione del fondo spetta ai coniugi che lo hanno costituito. Per cui tali spese non sono giustificate e non sono dovute.

  3. Buongiorno, posseggo un bene gravato da ipoteca giudiziale di Equitalia e altri beni immobili liberi da vincoli.
    Interpellando un notaio per la costituzione di tutti i beni in fondo patrimoniale, lo stesso mi dice che l’atto sarebbe nullo in quanto un immobile è gravato da ipoteca. E lo stesso, sarebbe comunque nulla anche iscrivendo in fondo patrimoniale i soli immobili liberi da vincoli.
    Io credo invece che l’atto tutt’al pià potrebbe essere oggetto di revocatoria, e soltanto se i beni immobili che lascio fuori dal fondo sono incapienti rispetto alla mia attuale situazione debitoria. Che ne pensa?

  4. PER DENIS: Caro Denis, resto sconvolto dalle cose che sento. Fin quando tali affermazioni provengano da un “non addetto ai lavori”, cioè un cittadino che provi ad informarsi su un campo di non diretta conoscenza, può passare. Che lo dica un giurista è abbastanza grave. Mi compiaccio del fatto che lei invece abbia una visione chiara della situazione (e ciò fa ben sperare sulle finalità di questo portale); è assolutamente come dice LEI: chiaramente un fondo costituito su un immobile gravato da ipoteca può risultare INEFFICACE (giammai nullo) e può essere oggetto di revocatoria. Ma che sugli immobili liberi da gravami (ipoteche, pignoramenti, etc.) si possa costituire un fondo, inattaccabile in assenza crediti pregressi è assolutamente fuori da qualsivoglia dubbio. Giusta anche l’altra affermazione: l’azione esecutiva intentata sull’immobile ipotecato, qualora l’immobile risultasse incapiente (difficile da configurarsi se ad agire è la banca mutuante, che concede sempre mutuo dietro garanzia di ipoteca, dopo aver effettuato una stima dell’immobile ed aver concesso un prestito ipotecario commisurato al valore dello stesso, tenendo presente l’eventualità di un recupero coattivo, con tanto di interessi di mora e spese giudiziali), potrebbe aggredire gli immobili liberi compresi nel fondo patrimoniale, ma sempre dietro esperimento di revocatoria, comunque subordinata al termine dei 5 anni dal compimento dell’atto, decorso il quale termine il fondo si consolida e diviene inattaccabile.

  5. Buongiorno,volevo sapere se i beni che e stato fatto un fondo patrimoniale al momento della morte di uno dei due coniugi possono essere donati in eredita’ malgrando ci siano ancora debitori insoddisfatti..

  6. Buonasera,vorrei sapere se avendo un fondo patrimoniale al momento della morte di uno dei due coniugi i beni che sono assegnati al fondo stesso possono essere donati o messi in successione e non essere attaccatti da pendenze debitorie se ancora in atto.

  7. PER GIANFRANCO: al momento del decesso di uno dei due coniugi il fondo si estingue. In presenza di debiti pregressi, il fondo è sempre sottoponibile a revocatoria nei 5 anni dal compimento dell’atto (in tal caso della donazione).

  8. Buonasera a titolo informativo dopo avere letto tutti i commenti la mie domande sono queste: 1)dopo 5 anni il fondo patrimoniale e irrevocabile da qualsiasi tipo di creditore privato e/o ente esempio equitalia? 2) in caso di debito contratto per la famiglia anche se trascorsi 5 anni il fondo puo essere revocato?
    saluti

    1. Gentile Francesco
      dopo cinque anni il fondo non è più revocabile, ma i beni in esso inseriti possono essere aggrediti da creditori sorti per debiti contratti per bisogni della famiglia

  9. Mi inserisco nella risposta data al sig francesco (ma i beni in esso inseriti possono essere aggrediti da creditori sorti per debiti contratti per bisogni della famiglia),anche passati i cinque anni?poi, quali possono essere i debiti contratti per i bisogni della famiglia, mi potrebbe fare un esempio?

  10. buongiorno ho contratto debiti con equitalia dal 1997 in poi ,,nel 2008 ho aqustato casa e subito dopo ho fatto un fondo patrimoniale ma nel 2010 equitalia ha messo ipoteca sulla casa,ho fatto un piano di rientro in 72 rate di euro 1300 cadauna ,ma da un anno sto sempre pagando ma molto meno della rata pattuita possono portarmi via la casa,,premetto che ho anche un mutuo che piu o meno pago regolarmente ,,e il fondo si solidifica ad aprile 2013 trascorsi i cinque anni,,come mi devo comportare,,,attendo sua risposta grazie

  11. avendo costituito il fondo patrimoniale nel 2008 e vero che i debiti fatti dopo il fondo sono inattaccabili?

  12. SALVE VORREI FARE UN FONDO PATRIMONIALE INSERENDO LA CASA DI PROPRIETA’ DI MIA MOGLIE E MIA IN QUANDO STIAMO IN REGIME DI COMUNIONE DI BENE ,E ABBIAMO 2 FIGLI GEMELLI CON ETA’ 13 ANNI CONVIENE FARE IL FONDO PATRIMONIALE PERCHE’ FRA 5 ANNI HANNO LA MAGGIORE ETA’ ? CHE COSA MI CONSIGLIA ,PRECISO CHE AD OGGI NON HO ALCUNA PENDENZA CON NESSUN CREDITORE.
    SALVE
    DISTINTI SALUTI
    GIUSEPPE

  13. Buonasera , avrei da sottoporre dei quesiti , ho un fondo patrimoniale costituito 4 anni fa nel frattempo un creditore di mio padre mi aveva citato in giudizio come socio occulto , la sentenza di primo grado assolto , la controparte e venuta a conoscenza del fondo patrimoniale ma nostante questo e ricorsa in appello alla sentenza , appello e fissato il 21 maggio 2013 il mio avvocato mi ha detto che in questa sede il giudice potrebbe dichiarare di non procedere quindi non aprire nessun dibattimento la migliore delle ipotesi , la peggiore quella di aprire il dibattito in questo caso il mio legale mi ha confermato di stare tranquillo visto che appello durare circa 2 anni quindi oltre il termine della revocabilità del fondo quindi il creditore in caso vinca appello dovra agire su beni diversi da quelli inseriti nel fondo patrimoniale quindi sul 1/5 oltre la soglia di sopravvivenza dello stipendio. mi confermato questo?
    saluti

  14. PER RENATO: dopo aprile 2013, senza che vi sia stato alcun inizio di revocatoria, renderà il fondo inattaccabile da ogni credito, anteriore e posteriore alla costituzione del fondo, non contratto per i bisogni familiari

  15. PER GIUSEPPE: conviene costituire un fondo nei limiti in cui c’è un rischio di contrarre debiti e si intenda salvaguardare alcuni beni (immobili, tra cui in primis la casa), ponendoli al riparo da rischi e destinandoli ai bisogni familiari. Non rileva il fatto che i suoi figli divengano maggiorenni tra 5 anni

  16. Buongiorno, quali sono i debiti considerati-abili contratti per bisogni familiari? Debiti col Fisco, per esempio, se accertati e divenuti tali dopo la costituzione del fondo e dopo il matrimonio, anche se relativi ad anni imposta precedenti di uno solo dei due coniugi, possono far si che il fondo risulti inefficace e revocabile? E possono essere in ogni caso aggredibii i beni di entrambi i coniugi – in regime di separazione – oppure no? Grazie per la risposta

  17. SALVE, VORREI AVERE DELLE DELUCIDAZIONI.
    I MIEI GENITORI HANNO ISTITUITO UN FONDO PATRIMONIALE NEL GENNAIO 2012, COMPRENDENDO DELLE CASE DI CUI UNA RICEVUTA IN EREDITà DA MIA MADRE E L’ALTRA DI MIA MADRE E DI MIO PADRE, LORO SONO IN COMUNIONE DI BENI E LA CASA IN EREDITà è STATA RICEVUTA DOPO IL MATRIMONIO. MIA MADRE E’ STATA CONDANNATA X INGIURIE AL PAGAMENTO DI SPESE A FAVORE DELLE PARTI CIVILI E AL PAGAMENTO DELLE SPESE LEGALI DELLE PARTI CIVILI. ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO E’ STATO FATTO APPELLO, ORA L PARTI CIVILI VOGLIONO ESPERIRE L’AZIONE REVOCATORIA DEL FONDO PATRIMONIALE, MA L’ UDIENZA DI APPELLO NON SI E’ ANCORA CELEBRATA. CHIEDO POSSONO CHIEDERE L’AZIONE REVOCATORIA ANCHE SE NON C’è ANCORA STATA SENTENZA DI APPELLO?POSSONO VANTARE PRETESE CREDITORIE RELATIVE ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO? ATTENDO SUE, GRAZIE.

  18. Salve Avvocato, mi chiamo Roberto
    ho costituito fondo patrimoniale nel gennaio 2012 per la casa dove abito.Dopo questo fondo si sta verificando una difficile situazione lavorativa per la quale facciamo fatica a pagare debiti nei confronti di fornitori e banche.Al momento del fondo non avevo nessua pendenza nei confronti di nessuno.Da quello che ho capito possono fare azione revocatoria del fondo se non riuscissi a rispettare gli impegni debitori .Ma che tempi ci sono mediamente per arrivare a sentenza di queste cause e quali probabilita’ ci sono che il fondo possa essere revocato.Preciso che tutti i debiti sono solo per bisogni della ditta (sas) e non per bisogni famigliari,Grazie e saluti

  19. Buona sera. Premetto che ho costituito un fondo patrimoniale nel 2005, oggi mi sono accorto che una banca circa 10 gg. Fa , ha iscritto un’ ipoteca su una casa inserita nel fondo…. La mia domanda e’ …. La banca può iscrivere ipoteca su l’immobile?

  20. Salve avvocato mi chiamo Vincenzo, premetto che nel 2008 ho acceso un mutuo insieme a mia moglie per l acquisto della prima casa a mia moglie intestando la casa a lei e come garanzia la banca ha messo ipoteca su questa casa. Volevo sapere poiché anche io ho un appartamentondi proprietà se non si paga il mutuo puo essere attacata anche la mia proprieta? Se la inserisco adesso in un fondo patrimoniale non puo esserepiu attaccata dalla banca?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube