Diritto e Fisco | Articoli

Fondo patrimoniale: tutte le domande, tutte le risposte

25 Settembre 2012
Fondo patrimoniale: tutte le domande, tutte le risposte

Tutelare la casa dai debiti e dalle pendenze con Equitalia si può: ma a determinate condizioni. Ecco una serie di F.A.Q. elaborate sulla base delle vostre più frequenti domande presentate negli scorsi articoli sul Fondo Patrimoniale.

A cosa serve il fondo patrimoniale?

Il fondo serve per creare un patrimonio separato rispetto a quello dei singoli coniugi. Esso può essere composto da beni immobili (per es. la casa di abitazione), titoli di credito (per esempio azioni di s.p.a., ma non quote di s.r.l.), beni mobili registrati (autoveicoli, imbarcazioni, aeromobili) e universalità di mobili. Tale patrimonio, destinatoal soddisfacimento dei bisogni della famiglia [1], serve per “mettere al riparo” detti beni dai debiti contratti per spese extrafamiliari, in modo da preservarli per futuri momenti di necessità del nucleo stesso.

I beni destinati nel fondo patrimoniale non possono più essere aggrediti da nessun creditore?

Falso.

1) I beni inseriti nel fondo sono aggredibili sempre nel caso di debiti contratti per soddisfare i bisogni della famiglia.

2) I beni del fondo non sono invece attaccabili per i debiti contratti per bisogni estranei alla famiglia ma purché:

— a) tali obbligazioni siano insorte dopo la costituzione del fondo

— b) o, nel caso di obbligazioni sorte anteriormente, siano decorsi cinque anni dalla costituzione del fondo.

Se invece non sono ancora decorsi cinque anni dalla costituzione del fondo, i creditori per debiti esterni alla famiglia, sorti anteriormente alla costituzione del fondo, possono impugnare il fondo con l’azione revocatoria (v. sotto). Essi però devono dimostrare che il debitore ha costituito il fondo con l’unico intento di frodare i creditori.

Ho dei vecchi debiti. Posso costituire il fondo per tutelare la mia casa?

Certamente. Il fondo può essere costituito in qualsiasi momento. Ma, affinché la tutela sia definitiva, è bene attendere cinque anni, affinché sia venuta meno la possibilità, per i creditori, di esperire la revocatoria (v. sotto).

Ho contratto un mutuo per l’acquisto dell’immobile che ho adibito ad abitazione su cui la banca ha iscritto ipoteca. Posso costituire il fondo patrimoniale?

Si può costituire il fondo patrimoniale; tuttavia esso non mette in salvo la casa dall’ipoteca della banca. L’ipoteca rimane comunque. Pertanto, in caso di mancato pagamento del mutuo, la banca potrà effettuare esecuzione forzata sulla casa e metterla in vendita.

Ho contratto debiti con banche ed Equitalia. Costoro non hanno ancora agito per la riscossione. Posso costituire il fondo?

Si può costituire il fondo, ma diverrà inattaccabile solo dopo cinque anni dalla sua costituzione [2].

Cos’è la revocatoria? La revocatoria fa venire meno il fondo patrimoniale?

La revocatoria è un’azione legale volta a rendere inefficace il fondo. Essa può essere compiuta dai creditori che ritengano che il fondo sia stato costituito unicamente per frodarli. Costoro però avranno l’onere di provate tale intento fraudolento del debitore, altrimenti perderanno la causa.

La revocatoria rende inefficace l’atto solo nei confronti del creditore che ha agito in causa e che risulti vittorioso nel relativo giudizio revocatorio. Costui, nel soddisfare il proprio credito, potrà considerare come mai avvenuta la costituzione del fondo.

Sono amministratore (o socio) di una S.r.l. (o di una S.p.a.). Ho rilasciato fideiussione alla banca che mi ha concesso il fido. Posso tutelare la mia casa col fondo patrimoniale?

Dei debiti della società risponde solo quest’ultima con il proprio patrimonio e non invece gli amministratori o i singoli soci (i cui beni restano inattaccabili).

Tuttavia, nel caso in cui tali soggetti abbiano firmato una fideiussione alla banca, quest’ultima potrà agire separatamente e autonomamente nei confronti del fideiussore. Solo se il garante avrà avuto l’accortezza di costituire il fondo prima della stipula della fideiussione, egli potrà opporre alla banca l’estraneità del debito ai bisogni della famiglia e quindi salvare i beni nel fondo (salve comunque le regole della revocatoria appena dette).

Il fondo cessa al compiere della maggiore età dell’ultimo figlio?

Condizione per la costituzione del fondo è che tra due persone vi sia un regolare matrimonio. Solo lo scioglimento del matrimonio (per decesso o annullamento) o la cessazione dello stesso (nel caso di divorzio e non di semplice separazione) comporta la cessazione del fondo.

In caso di scioglimento o cessazione del matrimonio in presenza di figli minori, il fondo dura fino al compimento della maggiore età dell’ultimo figlio. In tal caso, il tribunale dei minori autorizza gli atti per l’amministrazione del fondo stesso [3].


note

[1] Art. 167 c.c.

[2] Art. 2903 c.c.

[3] Art. 171, II comma, c.c.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

113 Commenti

  1. PER MARIA: no, debbono attendere che la condanna sia passata in giudicato (quindi fare l’appello e poi attendere l’esito del giudizio della Cassazione). Solo quando la condanna sarà definitiva potranno esperire revocatoria. Ad oggi manca il titolo per esperire revocatoria: la sentenza di I grado, seppur esecutiva, non è definitiva.

  2. PER ROBERTO: no, se i debiti insorgeranno DOPO la costituzione del fondo, se estranei al soddisfacimento dei bisogni familiari, saranno inopponibili al fondo.

  3. PER GINO: il creditore può sempre iscrivere ipoteca su immobili del debitore, ma la presenza del fondo renderà inattaccabili gli stessi per crediti contratti per ragioni estranee al soddisfacimento dei bisogni familiari fino a quando il fondo sarà in essere.

  4. VINCENZO: il fondo ha efficacia solo per le iscrizioni sugli immobili successive alla costituzione del fondo stesso. Alla banca che ha concesso il mutuo, avendo iscritto ipoteca di I grado, non potrà essere opposto il fondo.

  5. SALVE AVVOCATO , IO E MIA MOGLIE ABBIAMO DEBITI , IO HO I MIEI E MIA MOGLIE HA I SUOI ,ABBIAMO LA COMUNIONE DEI BENI ,II MIEI LI HO PRESI PER RISTRUTTURARE LA CASA , MIA MOGLIE LI HA PER LA SUA ATTIVIITA’ COMMERCIALE CHE HA CHIUSO , ABBIAMO COSTITUITO IL FONDO PATRIMONIALE QUATTRO MESI PRIMA DI ENTRARE IN CRISI VERSO LE BANCHE PERCHE’ CI E MANCATO IL LAVORO ,VOLEVO SAPERE SE LE DUE BANCHE POSSONO AGREDIRE IL FONDO PATRIMONIALE , CE DA DIRE CHE LA CASA ERA DI PROPRIETA’ DI MIA MOGLIE PRIMA ANCORA DI SPOSARCI , CHE COSA MI DICE ? SALUTI

  6. MI SONO DIMENTICATO DI DIRGLI CHE HO DUE FIGLI DOVE IL FONDO E’ STATO DIVISO PER TUTTA LA FAMIGLIA . SALUTI

  7. E SE FACCIO ANCHE LA DIVISIONE DEI BENI POSSO PROTEGGERLA LA CASA , HO ALTRIMENTI CHE COSA MI CONSIGLIA PER TUTELARE LA CASA ? SALUTI .

  8. Salve, sono in regime di comunione dei beni con mio marito ed abbiamo degli immobili di proprietà di varia natura compresa una casa per l’acquisto della quale abbiamo stipulato un mutuo che paghiamo regolarmente ed è quindi gravata da ipoteca… mio marito deve avviare una srl di cui sarà amministratore e dovendo chiedere per l’avviamento della società un prestito ad una banca che ovviamente si è accertata dell’esistenza di “garanzie” (per ora hanno solo chiesto alla banca medesima le condizioni di tale prestito). Vorrei quindi sapere se costituendo adesso un fondo patrimoniale in cui includere tutti gli immobili il fondo sarebbe attaccabile da eventuali crediti futuri della società per respondabilità di vario genere (fallimento,danni a terzi,ecc). Se includessimo anche la casa gravata da ipoteca nel fondo e ne pagassimo sempre il mutuo regolarmente potrebbe comunque essere attaccata da crediti derivanti da responsablità della società di mio marito? Spero di essere riuscita a spiegarmi.

  9. Salve avvocato
    sono Roberto e grazie della risposta.Le volevo precisare e chiedere un chiarimento: i debiti contratti prima del fondo sono tutti estranei al soddisfacimento del fabbisogno famigliare.Prima del fondo avevo dei finanziamenti aziendali in essere che pagavo puntualmente a rate costanti.Questi debiti che avevo anche prima del fondo ma fatti per l’azienda e che ad oggi non riesco puntualmente a rispettare come pagamento possono essere un problema legati al fondo e possono dare adito ad una revocatoria?
    Grazie e cordiali saluti.

  10. PER ROBERTO: sì, perchè, anche se estranei ai bisogni familiari, sono anteriori e possono costituire la ragione di una costituzione del fondo come quest’ultima può essere intesa come atto di sottrazione ai creditori dei beni da sottoporre ad esecuzione forzata per soddisfare le proprie ragioni creditorie.

  11. PER PIERO: muoversi quando v’è già presenza di debiti rende tutto molto più complicato e, per certi aspetti, inutile. Bisognerebbe costituire il fondo sempre PRIMA dell’insorgenza dei debiti stessi. Lei riferisce che ha costituito il fondo 4 mesi prima dell’insorgenza dei debiti verso le banche. Se è così, potrebbe essere inattaccabile. Ma bisogna vedere cosa realmente intende per insorgenza del credito: ad es., i soldi presi per ristrutturare la casa, li ha presi prima di costituire il fondo e poi – a seguito della costituzione del fondo – non è riuscito a restituirli? perchè, se così fosse, questo NON è un debito insorto dopo la costituzione del fondo, anche se contratto per ragione estranee ai bisogni familiari (anzi, in tal caso, non v’è neanche estraneità).

  12. Salve,dovrei incrementare il fondo patrimoniale costituito nel 2006, con altri quote di beni immobili, ormai sono trascorsi i termini per la revoca di come ho capito, facendo questo incremento decadono i termini della revoca e di conseguenza puo’ essere attaccato ?Grazie

  13. PER PEPPE: le dirò che quella che lei ha esposto è la mia personale opinione: difatti sarebbe semplice se, costituito un fondo patrimoniale, il debitore inserisse – volta a volta che insorgessero nuovi debiti- altri immobili oppure (ancora più clamoroso) utilizzasse il proprio denaro investendolo in immobili da inserire nel fondo, sottraendolo ai propri creditori. Per tale via facilmente potrebbe sottrarsi al pagamento dei propri debiti e farebbe sì che il fondo stesso avesse una efficacia retroattiva. Ma vi sono opinioni discordanti in dottrina e giurisprudenza: molti ritengono che in caso di mero incremento del fondo (inserimento di nuovi immobili) senza modificazione dell’atto costitutivo (e quindi delle regole per la sua amministrazione) non insorga un nuovo fondo (quindi decorra un nuovo termine di 5 anni per consolidare il fondo stesso): difatti i commi terzo e quarto dell’art. 163 c.c. statuiscono rispettivamente che le modifiche convenute e la sentenza di omologazione hanno effetto rispetto ai terzi solo se ne è fatta annotazione a margine dell’atto di matrimonio” e che l’annotazione deve essere fatta a margine della trascrizione delle convenzioni matrimoniali ove sia richiesta a norma degli artt. 2643 ss.” c.c. Per gli incrementi patrimoniali del fondo invece basterebbe solo una trascrizione o annotazione nei Registri Immobiliari.

  14. Egr. Avvocato, nel 2002 ho acquistato con mia moglie una casa (50%/50%) nel 2003 abbiamo costituito un fondo patrimoniale. Nel 2005 Equitale ha iscritto ipoteca sul mio 50% per debiti contratti (erario) nel 97/98/99. Nel 2009 banca Intesa per un mutuo non pagato ha iniziato la procedura di vendita, che ho bloccato chiedendo una sospensione di 24 mesi e pagando il 50% del dovuto alla banca, il giudice ha concesso ed Equitalia è rimasta fuori dalla procedura. a dicembre 2012 Banca Intesa ha ripreso la procedura fissando asta per il mese di Marzo 2013. Il mio interesse è di chiudere con Intesa, la domanda è ..Equitaliacosa può fare ??????

  15. PER MAURIZIO: proprio nulla. Il fondo, costituito nel 2003, si è consolidato nel 2008. Fino a quella data Equitalia, del pari di tutti i creditori che vantavano crediti ANTERIORI alla costituzione del fondo, potevano esercitare revocatoria, dimostrando che l’atto era di pregiudizio alle loro ragioni, rendendo così inefficace il fondo. Se non l’hanno fatto, tutti quanti i beni in esso ricompresi sono ora inattaccabili da crediti contratti per ragioni estranee al soddisfacimento dei bisogni familiari. Si preoccupi solo di soddisfare la banca concedente il mutuo; tutti gli altri dovranno ricercare altri beni da aggredire.

  16. salve avvocato sono socio in alcune srl, no amministratore,ma ho firmato fidejussioni personali bancarie ,le cose stanno andando male per, adesso abbiamo debiti con equitalia x somme ingenti ma ancora no con fornitori e ne con banche dove stiamo rientranto onorando gli impegni.a febbraio2011 ho costituito un fondo patrimoniale x la mia famiglia su un immobile donato con usufrutto da mio padre amministratore unico delle societa. volevo sapere se la revocatoria del FP viene esercitata in automatico dai creditori al fallimento delle societa e se le fidejussioni precedenti al fondo e fatte rinnovare anno x anno hanno valore annuale

  17. PER STEFANO: non c’è automatismo nell’esperimento della revocatoria (ordinaria o fallimentare): è un’azione che va esercitata o dai creditori (ordinaria) o dal curatore fallimentare. Invece trovo insolito il rinnovo di fidejussioni anno per anno: solitamente tale tipo di garanzia ha una durata più ampia.

  18. salve avvocato ,siccome vorrei aquistare un immobile ma l’attuale proprietario (mio nonno)ha dei debiti con equitalia non pagati tanto che questo immobile e’ stato ipotecato per tanti anni e presciolto da poco dopo la sentenza che l’equitalia non poteva attaccare immobili di valore superiore al debito, adesso l’ipoteca non c’e piu ma la mia domanda e’:
    il debito dopo l’aquisto puo’ passare a l’aquirente,visto che siamo pure parenti?
    se faccio il fondo patrimoniale ha maggiore protezione?
    il fondo patrimoniale lo posso fare io e i miei figli minorenni senza mettere in ballo mio marito visto che abbiamo la divisione dei beni?

  19. avvocato io sono sposato con mia moglie dal 2006.abbiamo acquistato casa nel 2009 con un mutuo.chiudendo l’attività abbiamo contratto dei debiti con le banche e con equitalia. ora vorrei sapere se ad oggi ho ancora la possibilità di preservare la casa dalle banche ,ovviamente non da quella che mi ha concesso il mutuo.i debiti sono stati contratti nel 2010.inoltre le volevo chiedere se mi iscrivono sulla casa un ipoteca di secondo grado,pur pagando il mutuo chi mi ha iscritto l ipoteca di secondo può mettere all’ asta la mia casa?

  20. Egr. Dott. Pagano, la ringrazio per la risposta del 11.02.2013 ( Maurizio)
    ho verificato con iol mio avvocato e ci siamo accorti che il Notaio ha registrato il fondo a margine dell’atto di matrimonio nel gennaio 2009, dopo sei anni, mentre le ipoteche di Equitalia sono state iscritte nel 2005 e 2007.
    Tutto ciò pregiudica il Fondo…
    Grazie e distinti saluti
    Maurizio

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube