Diritto e Fisco | Articoli

Sublocazione per un canone superiore alla locazione: si può?

14 marzo 2017


Sublocazione per un canone superiore alla locazione: si può?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 14 marzo 2017



È possibile dare in subaffitto tutto l’appartamento o una sola parte di questo anche a un canone superiore all’affitto stesso.

Immaginiamo di avere preso un appartamento in affitto (o meglio, locazione) e di volerlo, a nostra volta, subaffittare a un’altra persona la quale ci garantirà un canone superiore a quello che paghiamo al padrone di casa. È possibile e lecito un contratto del genere? In altre parole, ci sono divieti alla sublocazione per un canone superiore rispetto alla locazione? La questione fa affrontata per gradi.

È lecito sublocare un appartamento?

Se hai letto la nostra guida È possibile il subaffitto saprai già – e qui lo sintetizziamo – che l’inquilino di un appartamento può, a sua volta, subaffittarlo a un’altra persona. A seconda che egli dia l’intero appartamento o solo una parte si avrà una sublocazione totale o parziale. In particolare:

  • la sublocazione totale è lecita solo se espressamente consentita nel contratto di affitto. Se non è prevista dal contratto, l’inquilino può chiedere il consenso al padrone della casa anche in un momento successivo. Il consenso del locatore deve essere espresso; inoltre non deve essere necessariamente riferito ad un determinato soggetto, ma può essere anche preventivo e generico. Se la sublocazione dell’immobile locato è espressamente consentita dal contratto di locazione, l’omissione della comunicazione al locatore dell’avvenuta sublocazione non costituisce di per sé inadempimento grave ai fini della risoluzione del contratto;
  • la sublocazione parziale è lecita anche se non espressamente consentita nel contratto di affitto (ovviamente non deve esservi alcun divieto); tuttavia, l’inquilino è tenuto a comunicare, al padrone di casa, con lettera raccomandata, la persona del subconduttore, la durata del contratto ed i vani sublocati.

A quanto ammonta il canone di sublocazione?

Nei contratti di locazione a canone libero, così come non vi sono obblighi in merito alla misura del canone di locazione, non ve ne sono neanche in merito ai canoni di sublocazione. Pertanto tale corrispettivo, sia che si riferisca a una o più stanze (sublocazione parziale), sia che si riferisca all’intero appartamento (sublocazione totale) è rimesso alla libera determinazione delle parti (salvo che per le locazioni agevolate).

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI