Diritto e Fisco | Articoli

Trust: come viene tassato?

1 aprile 2017


Trust: come viene tassato?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 1 aprile 2017



Quali sono le tasse per la costituzione di un trust se vengono conferiti 5 monolocali di categoria A4? Che tasse pagare se non vengono affittati? Qual è il compenso di chi gestisce il trust?

L’istituzione di un trust, essendo un atto avente natura programmatica sconta solo un imposta fissa di registro. Per quanto riguarda il trasferimento, con un atto successivo, degli immobili si applicano due tipologie di imposte:

  • quella ipocatastale e
  • quella di successione e donazione.

Per quanto riguarda l’imposta ipocatastale, ipotizzando che gli immobili vengano conferiti in piena proprietà, si applica l’imposta ipotecaria pari a 2% e l’imposta di registro pari 1%: in totale 3%. A queste vanno aggiunte l’imposta di registro ulteriore e ulteriori somme per trascrizioni bolli e diritti che vanno però riverificati con il notaio al momento dell’atto.

Per quanto attiene alle imposte di successione e donazione, invece, occorre sapere chi è il beneficiario: infatti, se il rapporto tra il disponente e beneficiario è di parentela in linea retta o il coniuge, si applica una franchigia di esenzione fino a 1 milione di euro. Posto che il valore imponibile è nella franchigia, non esistono imposte di successione. Giova precisare che tale assunto si basa sulla circostanza che, precedentemente, in vita il disponente non abbia trasferito altre somme o immobile anche a carattere donativo al medesimo beneficiario che abbiano eroso tale franchigia. In tal caso, va scomputato il valore già trasferito e vedere se il suddetto trasferimento in trust resti entro tale limite.

Qualora si fosse in presenza di una eccedenza oltre il milione di euro, si paga una imposta del 4%. Se, invece, i beneficiari sono non parenti si paga l’8% senza franchigia.  Se, invece, si tratti di parenti diversi (fratelli o altro) occorre fare conteggi diversi essendo diverse le franchigie e le aliquote. A tali somme vanno aggiunti i compensi per la redazione dell’atto istitutivo e i compensi per il notaio che effettua i trasferimenti (queste ultime non sono diverse da una normale compravendita).

Relativamente al quesito delle imposte da pagare in caso di immobile non locati, il trust paga il 27,5% sulla rendita catastale dichiarandolo nella dichiarazione dei redditi Enc Unico 760 quadro B.

In relazione al compenso di chi gestisce il trust, dipende da cosa debba esser fatto: il compenso annuo va dai 5.000,00 ai 15.000,00 euro oltre Iva come per legge. Tali importi tengono conto del fatto che il trustee inoltre predisporrà le dichiarazioni dei redditi e i rendiconti per i beneficiari.

Articolo tratto da una consulenza del rag. Giuseppe Lepore

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI