HOME Articoli

Lo sai che? Cartella esattoriale notificata da soggetto non abilitato: che fare?

Lo sai che? Pubblicato il 2 aprile 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 2 aprile 2017

Mi è stata notificata una cartella esattoriale da un soggetto non abilitato tramite un posta privata. Tale notifica esiste? A chi posso fare ricorso?

L’atto notificato tramite un operatore postale privato non è la cartella di pagamento che il lettore ha allegato al quesito (che fu notificata il 23.10.2004 a mani e non per posta), ma è un altro e più recente atto (che non risulta allegato). Se così fosse, se dal 23.10.2004 (data di notifica della cartella) e fino ad oggi l’Ente della Riscossione non avesse notificato al debitore altri atti per chiedere il pagamento degli importi indicati in cartella, questi stessi importi (dovuti a titolo di contribuzioni per assicurazioni sociali e di contributi al servizio sanitario nazionale) sarebbero prescritti in quanto la prescrizione in questa materia risulta essere quinquennale e, perciò, la prescrizione sarebbe intervenuta il 23.10.2009 (per scrupolo si aggiunge, però, che alcune sentenze hanno fissato la prescrizione in dieci anni con riferimento al periodo che parte dalla notificazione della cartella di pagamento).

Nel caso specifico, comunque, anche se dovesse prevalere l’orientamento che fissa la prescrizione successiva alla notifica della cartella in dieci anni, gli importi descritti nella cartella di pagamento notificata il 23.10.2004 sarebbero comunque prescritti (perché dal 23.10.2004 sono passati ben più di dieci anni) a condizione che dal 23.10.2004 ad oggi non siano stati notificati altri atti finalizzati a richiedere il pagamento delle stesse somme.

La prescrizione delle somme potrà essere eccepita:

  • dinanzi al giudice competente,
  • con una azione di opposizione all’esecuzione [1],
  • ma solo se vi sia un atto da impugnare recentemente notificato e con il quale venga richiesto il pagamento delle medesime somme indicate nella cartella notificata il 23.10.2004.

Per quanto, invece, si riferisce alla notificazione a mezzo di soggetto privato, la Corte di Cassazione con una recentissima ordinanza [2] ha stabilito che la notificazione si deve considerare regolare nel caso in cui il plico contenente la cartella (o altro atto del procedimento di riscossione), spedito per conto dell’ente riscossore da un soggetto privato, sia stato però effettivamente notificato per il tramite di Poste Italiane (e a far testo sono gli atti che provano le modalità di spedizione). Se nel caso del lettore, quindi, la notificazione dell’atto fosse avvenuta per il tramite di Poste Italiane, la notificazione sarebbe stata regolare. Se, al contrario, la notificazione fosse stata interamente gestita dal soggetto privato, il vizio (di inesistenza della notificazione) andrebbe contestato, con una opposizione agli atti esecutivi, impugnando prudenzialmente non lo stesso atto notificato in modo viziato, ma quello successivo (eccependo così il vizio dell’intera procedura causato dalla inesistenza della notificazione del precedente atto) entro il termine perentorio di venti giorni dalla notificazione. Impugnare, invece, direttamente l’atto la cui notificazione si ritiene inesistente, potrebbe portare il giudice a ritenere sanato il vizio per “raggiungimento dello scopo”: il giudice, cioè, potrebbe ritenere che il vizio della notificazione non ha prodotto alcun danno al contribuente perché il contribuente stesso, impugnando l’atto, dimostra che in effetti il vizio della notifica non gli ha procurato alcuna lesione del fondamentale diritto di difesa.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Angelo Forte

note

[1] Artt. 615 e 618 bis cod. proc. civ.

[2] Cass. ord. n. 7156 del 12.04.2016.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI