Diritto e Fisco | Articoli

Come fare causa contro una cartella per multe mai ricevute

24 marzo 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 24 marzo 2017



La cartella esattoriale per multe mai ricevute. Come impugnarla. Termini, modalità e caratteristiche del ricorso.

Se oggetto di una o più cartelle esattoriali è una multa, per fare causa dovete ricorrere al Giudice di pace competente per territorio.

Qual è il Giudice di pace competente per territorio?

Se sostenete di non aver mai ricevuto la multa oggetto della cartella, allora dovrete rivolgervi al Giudice di pace del luogo in cui è stata elevata l’infrazione al codice della strada [1]. Infatti, non avendo mai ricevuto la multa, è come se la contestaste in questo momento.

Teoricamente potreste anche entrare nel merito della questione (ad esempio, dimostrando che c’è stato un errore di targa o che non c’era alcuna violazione colpevole da parte vostra), ma la mancata valida notifica del verbale dovrebbe essere più che sufficiente per ottenere l’annullamento della cartella.

 

Entro che termini posso fare ricorso contro una cartella per multe mai ricevute?

Il termine ordinario è di 30 giorni dal ricevimento della cartella.

Viceversa, se consultando l’estratto di ruolo, rilevate delle cartelle a voi sconosciute, non c’è alcun termine per fare ricorso, poiché come sostiene la giurisprudenza [2], i termini per fare causa possono decorrere soltanto da una notifica valida.

Posso fare ricorso contro una cartella per multe senza avvocato?

La legge dice che per fare causa contro una cartella per multe non è necessario rivolgersi ad un legale, se la controversia ha un valore inferiore ai 1100 euro. Se si tratta di più multe, dovete sommarne gli importi, per verificare se siete nei limiti.

Detto questo, avviare e discutere una causa davanti al Giudice di pace non è proprio una cosa semplicissima. Pertanto il suggerimento è quello di rivolgersi ad un avvocato, in ogni caso.

Come inizia una causa contro una cartella per multe?

Se sostenete di non aver mai ricevuto il verbale di contravvenzione oggetto della cartella, allora il procedimento dovrà essere iniziato con un atto introduttivo che si chiamerà ricorso, contenente i presupposti e le ragioni, di fatto e di diritto, su cui si fonda la vostra azione legale.

Una volta pronto, dovrà essere depositato, unitamente agli altri documenti, presso l’ufficio del Giudice di pace competente.

Come prosegue e si conclude la causa contro una cartella per multe?

Se si tratta di eccepire la mancata notifica della multa oggetto della cartella, è necessario recarsi presso l’ufficio del Giudice di pace, per depositare il ricorso e la cartella, in più copie, la nota d’iscrizione a ruolo (con l’indicazione delle parti, il numero della cartella impugnata e dei verbali oggetto della stessa, il valore della causa, ecc), gli altri documenti.

Dovrete, inoltre, acquistare e consegnare la ricevuta del contributo unificato (si tratta della tassa richiesta dallo Stato, per un importo minimo di € 43,00. Ad esempio, se la causa supera, come valore, i 1.100 euro, dovete aggiungere una marca da bollo da € 27,00 e il contributo unificato passa a € 98,00).

Successivamente, l’ufficio comunicherà alle parti in causa la data della prima udienza, dove sarà necessario discutere il ricorso. Al termine dell’udienza il giudice dovrebbe già comunicarvi l’esito del procedimento e cioè se il ricorso è stato accolto o meno (spesso la decisione, tecnicamente definita dispositivo, viene formalmente comunicata nei giorni successivi). La sentenza completa (con le motivazioni), sarà invece depositata in seguito.

note

[1] Cass. civ. sent. n. 17679/2015 – 1985/2014.

[2] Cass. Sez. Un. sent. n. 19704 del 02.10.2015.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI