Diritto e Fisco | Articoli

La cannabis cura, ma fa pensare al suicidio

28 settembre 2012


La cannabis cura, ma fa pensare al suicidio

> Diritto e Fisco Pubblicato il 28 settembre 2012



L’uso regolare della canna fa scattare più facilmente inclinazioni al suicidio.

È uno studio fatto in Australia e Neozelanda a dirlo: l’uso regolare della canna fa scattare più facilmente inclinazioni al suicidio, specie se l’assuntore è un adolescente o un giovane adulto.

Lo studio è stato condotto su 1.265 soggetti per ben trenta anni e ha dimostrato che più alta è la frequenza dell’uso regolare della droga, più rapidamente gli individui suscettibili diventano propensi a manie suicide o a semplici pensieri rivolti alla morte.

Negli ultimi anni, tuttavia, sono stati ottenuti dalla cannabis diversi ritrovati terapeutici, specie nella cura del dolore. Lo sviluppo delle conoscenze sul sistema dei cannabinoidi endogeni progredisce di pari passo all’individuazione di nuovi potenziali campi di utilizzo terapeutico.

L’Italia è, su questo terreno, molto indietro rispetto agli USA e alla gran parte dei paesi europei.

A partire dal 2012, la Toscana – prima regione italiana in questo esperimento – consentirà l’uso della  cannabis a  scopo terapeutico. È stata infatti approvata una  legge regionale che inserisce i  farmaci cannabinoidi all’interno del  sistema sanitario della Regione. La cannabis verrà impiegata per  cure palliative terapie del dolore, come sostitutivo di analgesici come la morfina.

Da queste premesse è nata, nel marzo del 2001, la decisione di dare vita in Italia all’Associazione per la Cannabis Terapeutica (ACT), uno spazio comune a pazienti, medici e a tutti i cittadini che vogliano impegnarsi per colmare il divide  del nostro Paese in quest’ambito.

 


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI