Professionisti Sospensione e interruzione del processo

Professionisti Pubblicato il 18 marzo 2017

Articolo di




> Professionisti Pubblicato il 18 marzo 2017

Svolgimento anormale del processo di cognizione innanzi al Tribunale: casi di sospensione necessaria e facoltativa; interruzione.

Il processo di cognizione può subire, nel corso del suo svolgimento, alcune vicende che ne alterano la fisionomia e lo sviluppo che abbiamo fin qui descritto.

Gli eventi più importanti che meritano di essere esaminati sono i seguenti:

La successione nel processo

Ricorre quando mutano alcuni soggetti del processo a causa della sostituzione di nuovi soggetti rispetto a quelli originari. Ciò può riguardare:

  1. il giudice (ad es.: nel caso di incompetenza);
  2. le parti, sia nel caso di successione a titolo universale (es.: eredità), sia nel caso di successione a titolo particolare (es.: vendita del diritto oggetto del giudizio).

La successione a titolo universale è prevista dall’art. 110: «quando la parte viene meno per morte o per altra causa, il processo è proseguito dal successore universale o in suo confronto». in caso di successione a titolo particolare, invece, l’art. 111 sancisce la regola della continuazione del processo fra le parti originarie e l’estensione dei suoi effetti al successore. In tutti questi casi l’originario processo non si estingue, ma continua, sia pure con soggetti diversi.

La sospensione del processo

La sospensione del processo è l’arresto temporaneo del suo svolgimento, disposto dal giudice quando si verificano determinati eventi stabiliti dalla legge.

Il codice contempla due forme di sospensione:

sospensione necessaria: l’art. 295 nella formulazione in vigore dal 1°-1- 1993, sancisce che il giudice dispone la sospensione del processo in ogni caso in cui egli stesso o un altro giudice deve risolvere preliminarmente una controversia civile o amministrativa dalla cui definizione dipende la decisione della causa.

  • sospensione facoltativa o su istanza delle parti: il processo può essere sospeso quando le parti ne facciano concorde richiesta e, a seguito della riforma della L. 69/2009, se sussistono giustificati motivi. inoltre la concessione della sospensione può avvenire per una sola volta, per un periodo non superiore a tre mesi (non più quattro) e con la fissazione dell’udienza per la prosecuzione del giudizio (art. 296).

Per quanto riguarda la ripresa del processo dopo la sospensione:

  • se il provvedimento di sospensione stabilisce l’udienza in cui il processo deve proseguire, non sorgono problemi; in caso contrario, le parti, entro tre mesi (non più sei ex 69/2009) dalla cessazione della causa di sospensione necessaria, o almeno dieci giorni prima della scadenza del termine di sospensione concordata, devono chiedere al giudice la fissazione dell’udienza

Rapporti tra azione civile e azione penale

In seguito all’entrata in vigore del nuovo cod. proc. pen. i rapporti tra azione civile ed azione penale sono regolati dall’art. 75 c.p.p. e 211 att. in base al primo «se l’azione è proposta in sede civile nei confronti dell’imputato dopo la costituzione di parte civile nel processo penale o dopo la sentenza penale di primo grado, il processo civile è sospeso fino alla pronuncia della sentenza penale definitiva, tranne il caso in cui la parte civile sia stata esclusa (art. 88, co. 3 c.p.p.), e quello in cui la parte civile non abbia accettato il rito abbreviato» (art. 441, co. 3 c.p.p.). in ogni caso, però, l’art. 211 att. sancisce che «salvo quanto disposto dall’art. 75 co. 2 c.p.p., quando disposizioni di legge prevedono la sospensione necessaria del processo civile o amministrativo per la pendenza di un processo penale, il processo civile o amministrativo è sospeso fino alla definizione del processo penale se questo può dar luogo a una sentenza che abbia efficacia di giudicato nell’altro processo e se già è stata esercitata l’azione penale».

L’interruzione del processo

L’interruzione del processo è un arresto temporaneo del processo determinato dalla necessità di assicurare l’effettività del contraddittorio, a seguito di eventi che abbiano menomato l’attiva partecipazione al processo delle parti, dei loro rappresentanti legali o dei loro procuratori in giudizio.

Tali eventi possono essere:

  • la morte della parte o la perdita della capacità di stare in giudizio per interdizione, inabilitazione, fallimento;
  • la morte, la perdita della capacità del rappresentante, la cessazione della rappresentanza;
  • la morte, la radiazione dall’albo o la sospensione del procuratore.

Se l’evento interruttivo riguarda la parte costituita, il processo s’interrompe immediatamente. se invece riguarda il contumace, s’interrompe solo quando il fatto interruttivo è notificato o è certificato dall’ufficiale giudiziario o è documentato dall’altra parte (art. 300, co. 4).

La ripresa del processo deve avvenire entro tre mesi (non più sei, ex L. 69/2009) dal verificarsi della causa di interruzione. La riassunzione va fatta con ricorso ad opera della parte più diligente. decorsi i tre (non più sei) mesi senza che le parti abbiano riassunto il giudizio, il processo si estingue.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI