Business | Articoli

Detrazioni Ecobonus: proroga per 5 anni, ecco in quali casi

13 Dicembre 2016
Detrazioni Ecobonus: proroga per 5 anni, ecco in quali casi

Per programmare i tuoi interventi di efficientamento energetico avrai più tempo: ecco come funziona l’ecobonus dal 2017 in poi.

Dal 2017 in poi l’ecobonus sarà utilizzabile anche oltre l’anno solare, ma solo in alcuni casi. La proroga contenuta nella Legge di Stabilità 2017 permette difatti di operare su più annualità attraverso un prolungamento del beneficio sino al 31 dicembre 2021.

Tutti i dettagli sul funzionamento del bonus e su chi può usufruire della proroga pluriennale.

Come funziona l’Ecobonus dal 2017 in poi

Dal 2017 in poi l’ecobonus sarà molto simile nel funzionamento a quanto sperimentato negli anni scorsi.

Si potrà beneficiare dunque di detrazioni del 65% delle spese effettuate. Dal cambio della caldaia all’installazione dei pannelli solari, il catalogo degli interventi agevolati al 65% è invariato.

L’importo verrà detratto in dieci anni sulla dichiarazione dei redditi.

Per la generalità dei casi il bonus è attivo sempre per un anno, dall’1 gennaio al 31 dicembre 2017. Tuttavia nel caso di lavori condominiali si avrà più tempo.

Lavori condominiali: 5 anni di tempo per il bonus

Nel caso dei lavori condominiali, ovvero di efficientemento energetico su parti comuni, il bonus viene prolungato sino al 2021.

Inoltre sempre per i lavori condominiali sono previste due maxi-detrazioni: una al 70% e una al 75%. Queste sono riservate tuttavia ad alcuni casi specifici:

  • detrazioni al 70%: se si interviene sul 25% del corpo condominiale;
  • detrazione del 75% e qualità media della prestazione energetica ed estiva prevista dal Ministero [1].

note

[1] Dm Sviluppo economico del 26 giugno 2015.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube