Ape sociale, due finestre per le domande

24 Marzo 2017 | Autore:
Ape sociale, due finestre per le domande

Anticipo pensionistico a carico dello Stato: domande dal 1° maggio al 30 giugno e dal 1° luglio al 30 novembre.

Due occasioni per chiedere l’Ape sociale: saranno infatti due le finestre per consentire ai lavoratori, in possesso dei requisiti per accedere all’anticipo pensionistico a carico dello Stato, di presentare le relative domande. La prima finestra si aprirà dal 1° maggio al 30 giugno, la seconda dal 1° luglio fino al 30 novembre. Entro il 30 settembre verrà stilata una graduatoria dei destinatari delle misure, che servirà per stabilire le risorse residue.

È dunque confermato che l’Ape sociale, così come la pensione anticipata quota 41, non sarà per tutti, ma per un numero chiuso di destinatari. Ma procediamo per ordine e facciamo un breve punto della situazione: che cos’è l’Ape sociale, a chi si rivolge, a quanto ammonta e come richiederla.

Ape sociale: come funziona

L’Ape sociale è un’indennità che spetta fino al conseguimento dei requisiti necessari alla pensione di vecchiaia: è destinata ad alcune categorie di lavoratrici e lavoratori che si trovano in particolari condizioni e sono in possesso, a seconda delle ipotesi, di un minimo di 63 anni di età e di 30 o 36 anni di contributi.

L’Ape sociale, a differenza della cosiddetta Ape volontaria, è un anticipo pensionistico, ma è erogata direttamente dallo Stato e non comporta trattenute sulla futura pensione.

Ape sociale: a chi spetta

Possono accedere all’Ape sociale le lavoratrici e i lavoratori che abbiano già compiuto 63 anni di età e che siano, o siano stati, iscritti all’assicurazione generale obbligatoria (Ago, che comprende gli iscritti al fondo pensione lavoratori dipendenti e alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi), alle forme sostitutive ed esclusive della stessa, o alla Gestione separata Inps, purché cessino l’attività lavorativa, non siano già titolari di pensione diretta, e siano in possesso di un minimo di 30 o 36 anni di contributi, a seconda della categoria di appartenenza.

I lavoratori devono appartenere, nel dettaglio, a una delle seguenti categorie:

  • lavoratori in possesso di almeno 30 anni di contributi che, al momento di decorrenza dell’Ape sociale:
    • risultano disoccupati a seguito di licenziamento, anche collettivo, o di dimissioni per giusta causa, o per effetto di risoluzione consensuale nell’ambito della procedura di conciliazione obbligatoria, che hanno terminato da almeno tre mesi di percepire la prestazione di disoccupazione;
    • assistono, al momento della richiesta e da almeno 6 mesi, il coniuge o un parente di primo grado convivente con handicap grave ai sensi della Legge 104;
    • possiedono un’invalidità uguale o superiore al 74%;
  • lavoratori in possesso di almeno 36 anni di contributi che, al momento di decorrenza dell’Ape sociale:
    • prestano da almeno 6 anni, in via continuativa, attività lavorative dipendenti particolarmente difficoltose e rischiose, facenti parte dell’elenco di professioni di seguito indicato:
      • operai dell’industria estrattiva, dell’edilizia e della manutenzione degli edifici;
      • conduttori di gru, di macchinari mobili per la perforazione nelle costruzioni;
      • conciatori di pelli e di pellicce;
      • conduttori di convogli ferroviari e personale viaggiante;
      • conduttori di mezzi pesanti e camion;
      • professioni sanitarie infermieristiche ed ostetriche ospedaliere con lavoro organizzato in turni;
      • addetti all’assistenza personale di persone in condizioni di non autosufficienza;
      • professori di scuola pre-primaria;
      • facchini, addetti allo spostamento merci ed assimilati;
      • personale non qualificato addetto ai servizi di pulizia;
      • operatori ecologici e altri raccoglitori e separatori di rifiuti.

Ape sociale: come si calcola

Il calcolo dell’Ape sociale viene effettuato secondo il normale criterio di calcolo della pensione, ma il suo importo non può comunque superare, mensilmente, i 1.500 euro.

L’Ape sociale è corrisposta, ogni anno, per 12 mesi, anziché 13, in quanto non è un trattamento pensionistico vero e proprio, ma un anticipo pensionistico corrisposto sotto forma di indennità.

La legge che ha istituito l’Ape sociale (cioè la Legge di bilancio 2017) non dice, come nel caso dell’Ape volontaria, che il trattamento è esentasse: si deduce, quindi, che l’Ape sociale è regolarmente tassata come reddito da lavoro dipendente.

Ape sociale: incompatibilità

L’Ape sociale è incompatibile con la percezione di prestazioni a sostegno del reddito conseguenti allo stato di disoccupazione. In particolare è incompatibile:

  • con la Naspi;
  • con l’Asdi (assegno di disoccupazione);
  • con l’indennizzo per commercianti.

È invece compatibile:

  • con la percezione di redditi da lavoro dipendente o parasubordinato nel limite di 8000 euro all’anno;
  • con la percezione di redditi derivanti da attività di lavoro autonomo nel limite annuo di 4800 euro.

Inoltre, il beneficiario decade dal diritto all’indennità se raggiunge i requisiti la pensione anticipata (ad esempio, può accadere che Tizio, disoccupato, riprenda l’attività lavorativa nel periodo di percezione dell’Ape sociale e raggiunga, così, i contributi utili alla pensione anticipata).

Ape sociale: domanda

Per quanto riguarda la domanda di Ape sociale, si sa soltanto, come anticipato, che ci saranno due finestre entro le quali sarà possibile presentarla:

  • la prima, dal 1° maggio al 30 giugno;
  • la seconda, dal 1° luglio al 30 novembre.

Si attende poi, al momento, l’emanazione di un decreto che:

  • definisca le modalità attuative della prestazione;
  • fissi le procedure per accertare il diritto all’indennità;
  • detti le istruzioni relative alla predisposizione della documentazione necessaria per la trattazione delle diverse fasi dell’istruttoria amministrativa e decisionale.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube