Diritto e Fisco | Articoli

Rinnovazione marchio società cessata: chi deve farla?

13 Aprile 2017
Rinnovazione marchio società cessata: chi deve farla?

Chi deve fare il rinnovo di un marchio se la relativa società è cessata? Se tale marchio era usato da più società c’è il rischio di una sua volgarizzazione?

Il marchio registrato intestato alla società oramai sciolta può essere considerato [1] quale attivo residuo da ripartirsi tra i soci. Trattandosi di bene indivisibile, essi saranno ciascuno proprietario del medesimo per la rispettiva quota.

Si consideri, inoltre, che la domanda di rinnovazione di marchio di impresa deve essere fatta dal titolare o dal suo avente causa. Da ciò consegue come, nel caso del lettore, ciascun socio (documentando la propria qualità) possa in modo legittimo presentare domanda di rinnovazione del marchio in questione a proprio nome, salvo poi dover corrispondere il relativo valore per equivalente agli altri soci che ne dovessero fare richiesta.

Dall’esposizione dei fatti è verosimile dedurre come dallo scioglimento della società avvenuto nel novembre 2009 il marchio in questione non sia stato più usato in modo effettivo. Questo mancato uso protrattosi per 5 anni consecutivi ben potrebbe configurare una causa di decadenza [3], potendo il marchio in questione essere nel frattempo divenuto nel commercio denominazione generica del prodotto o servizio o comunque aver perduto la propria capacità distintiva.

Ciò premesso, è molto probabile che nel caso in cui il lettore dovesse agire in giudizio nei confronti di eventuali società concorrenti, queste ultime, avendone interesse, tenterebbero di dimostrare l’effettiva decadenza del marchio da lui rivendicato per le ragioni testè illustrate.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Alessandro Marescotti



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube