Diritto e Fisco | Articoli

Quanto devo essere povero per avere il gratuito patrocinio?

15 Aprile 2017
Quanto devo essere povero per avere il gratuito patrocinio?

Sono un pensionato con moglie a mio carico e con un reddito lordo famigliare di 22.282 euro. Ho diritto ad un avvocato a spese dello Stato?

La legge [1] stabilisce che:

  1. può essere ammesso al gratuito patrocinio chi è titolare di un reddito imponibile ai fini dell’imposta personale sul reddito, risultante dall’ultima dichiarazione, non superiore a euro 11.369,24;
  2. se l’interessato convive con il coniuge o con altri familiari, il reddito è costituito dalla somma dei redditi conseguiti nel medesimo periodo da ogni componente della famiglia, compreso l’istante;
  3. ai fini della determinazione dei limiti di reddito, si tiene conto anche dei redditi che per legge sono esenti dall’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) o che sono soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d’imposta, ovvero ad imposta sostitutiva.

Ciò significa che per verificare se il lettore può essere ammesso al patrocinio gratuito a spese dello Stato, occorre sommare al suo personale reddito imponibile ai fini Irpef, quello dei familiari che convivono con lui.

Il reddito imponibile che occorre valutare (quello del lettore e quello dei suoi familiari conviventi che deve essere sommato al suo) è quello risultante dall’ultima dichiarazione dei redditi; all’ammontare del reddito imponibile, poi, si devono sommare (a titolo esemplificativo e secondo quanto l’Agenzia delle Entrate ha indicato [2]:

  1. eventuali redditi percepiti, ma esenti ai fini Irpef (ad esempio eventuale assegno sociale, o indennità e assegni erogati ai ciechi civili, ai sordomuti e agli invalidi civili);
  2. eventuali redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d’imposta (ad esempio gli interessi sui conti correnti bancari o postali);
  3. eventuali redditi soggetti ad imposta sostitutiva (ad esempio interessi sui Bot o su altri titoli del debito pubblico);
  4. eventuale rendita per inabilità permanente;
  5. eventuale reddito derivante da assegno di mantenimento (separazione e divorzio), sia del coniuge, che dei figli;
  6. eventuali redditi da lavoro occasionale, anche non valutabili ai fini Irpef;
  7. eventuali redditi di provenienza illecita;
  8. eventuali proventi di reato;
  9. eventuali redditi derivanti da locazioni abitative e commerciali;
  10. eventuali pensioni di anzianità;
  11. eventuali pensioni sociali;
  12. eventuali pensioni di guerra;
  13. eventuale rendita da proprietà immobiliari;
  14. eventuale reddito da lavoro sommerso (lavoro a nero).

Una volta calcolato in questa maniera il reddito imponibile suo e quello (eventuale) dei suoi familiari, da essi potranno essere dedotti i soli oneri deducibili (ad esempio eventuali contributi previdenziali ed assistenziali versati) sempre indicati nell’ultima dichiarazione dei redditi.

Riassumendo: calcolato il reddito imponibile del lettore (nella maniera sopra indicata) e detratto da esso eventuali oneri deducibili, al risultato ottenuto andranno sommati eventuali redditi imponibili (calcolati allo stesso modo e deducendo da essi eventuali oneri deducibili) dei familiari che convivono con lui. Se il risultato complessivo così ottenuto (reddito personale del lettore più reddito dei suoi familiari conviventi) sarà inferiore ad euro 11.369,24, egli avrà diritto a richiedere ed ottenere l’assistenza di un legale a spese dello Stato. Infine, e solamente per le cause penali, il limite di reddito di euro 11.369,24 annui viene aumentato di euro 1.032,91 per ogni familiare convivente.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Angelo Forte


note

[1] Art. 76 del d.P.R. n. 115 del 30.05.2002.

[2] Con Risoluzione n. 15/E del 15.01.2008.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube