HOME Articoli

Lo sai che? Alitalia deve risarcire il danno morale in caso di ritardo nella consegna dei bagagli

Lo sai che? Pubblicato il 9 ottobre 2012

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 9 ottobre 2012

La compagnia aerea, in caso di smarrimento (o ritardo nella consegna) del bagaglio, è tenuta a risarcire al passeggero non solo le spese sostenute per l’acquisto di indumenti di necessità, ma anche il danno morale.

Può succedere che, al momento dell’arrivo in aereoporto, uno dei bagagli imbarcati dal passeggero risulti smarrito. Così, specie nel caso di viaggio di piacere, le aspettative di un momento di relax e serenità si traducono in una corsa agli acquisti di prima necessità per consentire il prosieguo del viaggio: con grave disagio per la diminuzione, non programmata, delle proprie  risorse economiche.

In questi casi, la stipula di un contratto con una compagnia aerea garantisce all’utente l’applicazione del Regolamento previsto dalla CE [1], alla quale hanno aderito tutte le Compagnie Europee e non. Ciò consente il risarcimento e l’assistenza ai passeggeri in caso di negato imbarco, cancellazione del volo, ritardo nella consegna del bagaglio o suo definitivo smarrimento.

Anche nel semplice caso di consegna in ritardo di uno dei bagagli, la compagnia aerea deve risarcire i viaggiatori, rimborsando sia le spese sostenute (purché ritenute congrue, ragionevoli, significative e giustificate con documento fiscale), sia il danno morale.

In un recente caso [2], un Giudice di pace calabrese, nell’accogliere le richieste di una giovane coppia, ha condannato l’Alitalia, non solo al rimborso delle spese per gli acquisti di biancheria, indumenti e prodotti di prima necessità, ma anche al risarcimento dei danni causati dalle aspettative tradite da un arrivo a destinazione sereno e nello stress psicologico conseguente alla consegna in ritardo (anche di un solo giorno) di uno dei  bagagli,  per un totale di € 2.000,00 [2].

di ANDREA BORSANI

note

[1] Cosiddetta “Carta Europea del Viaggiatore”.

[2] Giudice di Pace di Paola, sent. n. 178/2011.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI