Diritto e Fisco | Articoli

Per determinare l’assegno di divorzio il giudice può avvalersi della finanza

2 ottobre 2012 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 2 ottobre 2012



Per determinare o riconoscere l’assegno divorzile il giudice può avviare indagini sui redditi e patrimoni dei coniugi avvalendosi anche della polizia tributaria.

L’assegno divorzile ha la funzione di garantire all’ex coniuge meno abbiente il mantenimento dello stesso tenore di vita avuto durante il matrimonio [1]. Il giudice, nel determinarne l’ammontare, deve valutare accuratamente l’effettivo bisogno del beneficiario e le potenzialità economiche di entrambi coniugi. Bisogna insomma riequilibrare i loro tenori di vita, anche dopo lo scioglimento del legame. Quindi oltre ai redditi (stipendi o salari) vanno tenuti in considerazione anche i patrimoni posseduti dalla coppia (tutti i beni mobili e immobili).

Per raggiungere tale scopo, il giudice esamina le dichiarazioni dei redditi o, in alternativa [2], può avviare autonomamente delle indagini patrimoniali rivolgendosi alla Guardia di Finanza [3] territorialmente competente, la quale provvederà ad effettuare i dovuti controlli sullo stato finanziario dei contendenti.

Ciò costituisce una deroga al principio generale dell’onere della prova [4], secondo il quale chi voglia dimostrare in processo un determinato fatto deve provarne direttamente l’esistenza, presentando a processo la documentazione adeguata che dimostri quanto da esso dichiarato.

La possibilità di effettuare tali accertamenti non è un dovere che il giudice è tenuto ad adempiere, ma una semplice facoltà, frutto di un potere discrezionale. Il magistrato infatti ha la facoltà di rivolgersi alla polizia tributaria in casi di difficoltà oggettiva a determinare il reddito.

Nonostante ciò, secondo una recente sentenza della Cassazione [5], il giudice sarebbe obbligato a rivolgersi alla guardia di finanza nel caso in cui i coniugi, che siano in causa per la determinazione dell’assegno divorzile, non abbiano presentato idonea documentazione a sostegno delle loro ragioni.

 

note

[1] Per un approfondimento sull’argomento si rimanda al seguente articolo https://www.laleggepertutti.it/14300_assegno-di-mantenimento-e-assegno-divorzile-definizioni-e-differenze .

[2] Qualora le dichiarazioni dei redditi non siano state debitamente presentate a processo, o sorgano delle contestazioni tra le parti.

[3] Art. 5, c. 9, L. n. 898/1970.

[4] Sancito dall’ art. 2697 c.c.

[5] Cass. sent. n. 16094/2012.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI