Diritto e Fisco | Articoli

Stipendi e pensioni pignorati da Equitalia

30 Marzo 2017 | Autore:
Stipendi e pensioni pignorati da Equitalia

Cartelle esattoriali: limiti di pignorabilità di stipendi e pensioni, minimo vitale e accredito su conto corrente.

Equitalia, in caso di debiti iscritti a ruolo a carico del contribuente, non pagati a seguito della notifica delle cartelle esattoriali e delle eventuali intimazioni di pagamento, può procedere ad esecuzione forzata. Quest’ultima, nella maggior parte dei casi, consiste nel pignoramento presso terzi di stipendi e pensioni, individuati facilmente dal Fisco grazie alle informazioni relative ai rapporti di lavoro o di impiego, reperite tramite specifiche banche dati dell’Inps.

Le somme dovute dal terzo a titolo di stipendio e pensione non possono tuttavia essere pignorati per intero. La legge prevede infatti specifici limiti di pignorabilità con riguardo ai crediti esattoriali, variabili in base agli importi di stipendi/pensioni e altre indennità relative al rapporto di lavoro (per esempio TFR) [1]:

  • 1/10 per importi fino a 2.500,00 euro;
  • 1/7 per importi da 2.500,00 a 5.000,00 euro;
  • 1/5 per importi superiori a 5.000 euro.

Come si calcolano i limiti di pignoramento di stipendio e pensione?

I limiti di pignorabilità si applicano sull’importo netto dello stipendio/pensione.

Per «importo netto» si intende l’importo al netto delle trattenute di legge (imposte e contributi), oltre al netto di eventuali cessioni volontarie o deleghe di pagamento che dovessero gravare sullo stipendio o la pensione.

Minimo vitale impignorabile

Oltre ai limiti di pignorabilità, occorre considerare la parte di pensione sempre impignorabile.

Le somme dovute a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione o di altri assegni di quiescenza, non possono essere pignorate per un ammontare corrispondente alla misura massima mensile dell’assegno sociale, aumentato della metà [2].

Si tratta del cosiddetto «minimo vitale», una somma ritenuta impignorabile per garantire al pensionato un’esistenza dignitosa e decorosa.

Per calcolare l’importo del minimo vitale occorre prendere la misura dell’assegno sociale erogato dall’Inps (importo annualmente rivalutato) e sommarvi la metà di tale stesso importo. Pertanto, se l’importo dell’assegno sociale per l’anno 2017 è attualmente di 448,07 euro, il minimo di sopravvivenza impignorabile è pari a 672,10 euro (ossia 448,07 + 224,03 [che è la metà di 448,07]).

Dunque, per individuare la parte di pensione effettivamente pignorabile occorre sottrarre dalla pensione netta l’importo di 672,10 euro e calcolare sull’importo residuo il limite di 1/5, 1/7 o 1/10.

Se stipendio e pensione sono accreditati sul conto corrente

Le somme dovute a titolo di stipendio, salario, altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, nonché a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione, o di assegni di quiescenza, nel caso di accredito su conto bancario o postale intestato al debitore, possono essere pignorate, per l’importo eccedente il triplo dell’assegno sociale, quando l’accredito ha luogo in data anteriore al pignoramento (vale a dire euro 1344,21 [448,07×3]).

Quando invece l’accredito ha luogo alla data del pignoramento o successivamente, le predette somme possono essere pignorate nei limiti sopra indicati (1/10, 1/7, 1/5).

In ogni caso, gli obblighi del terzo pignorato non si estendono all’ultimo emolumento accreditato sul conto corrente.

Cosa succede se i limiti di pignorabilità non vengono rispettati

Il superamento dei limiti di pignorabilità comporta l’inefficacia parziale del pignoramento (appunto per la parte di stipendio/pensione non pignorabile in ragione dei limiti/divieti imposti dalla legge).

L’inefficacia del pignoramento può anche essere rilevata d’ufficio dal giudice ma è sempre bene eccepirla opponendosi al pignoramento parzialmente illegittimo.


note

[1] Art. 72ter DPR 602/1973.

[2] Art. 545 cod. proc. civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. mi e arrivato dalle agenzie delle entrate di pagre circa quattordici mila euro sono pensionato con una pensione di millequatrocento euro piu o un quinto della pensione quanto mi possono prelevare grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube