Diritto e Fisco | Articoli

In Iran la censura blocca l’accesso a Google e Gmail

1 Ottobre 2012
In Iran la censura blocca l’accesso a Google e Gmail

Censura in Iran: bloccato l’accesso a Google e Gmail.

In Iran la censura ha appena bloccato Google e Gmail: il browser e il servizio di posta elettronica di Mountain View non sono più visibili ora per il popolo dell’Ayatollah.

È stato il Consigliere della Procura iraniana a diffondere, qualche giorno fa, il comunicato ufficiale. “A causa delle continue richieste del popolo” (!!) – recita il messaggio – “l’accesso a Google e Gmail è stato filtrato a livello nazionale, fino a ulteriore comunicazione”. Al momento è in atto un tentativo di creare una rete intranet nazionale, fortemente controllata dalle autorità censorie del Governo.

Per gli iraniani che vorranno connettersi liberamente a BigG non resterà che accedervi tramite il software VPN (virtual private network), strumento usato per superare la censura.

Ironia del caso: il comunicato è stato inviato con un sms, strumento che, per primo, ha avvicinato il nuovo millennio alla comunicazione globale e sincrona. Chi disprezza, alla fine, compra.

 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube