Diritto e Fisco | Articoli

Naspi: posso ottenerla se mi dimetto e trovo un nuovo lavoro?

21 Aprile 2017 | Autore:
Naspi: posso ottenerla se mi dimetto e trovo un nuovo lavoro?

L’indennità di disoccupazione può essere ottenuta da chi si dimette perché ha trovato un altro impiego, se poi viene licenziato?

 

Ho trovato un nuovo lavoro e vorrei dimettermi dall’attuale occupazione, dato che l’azienda tra non molto chiuderà; ho paura, però, di non aver diritto alla Naspi se dovessi essere licenziato dalla nuova azienda.

Chi si dimette non perde la Naspi per sempre, perché le settimane di contributi accreditate e le giornate di effettivo lavoro non si cancellano: chi si dimette non ha diritto alla Naspi solo in quanto manca il requisito della perdita involontaria dell’occupazione, necessario per ottenere lo stato di disoccupazione.

Se il lavoratore si dimette perché ha trovato un nuovo lavoro e, successivamente, viene licenziato dalla nuova azienda, le settimane di contribuzione relative al vecchio lavoro e le giornate lavorative si sommano a quelle del nuovo impiego, per dar luogo alla prestazione.

Questo, perché l’indennità di disoccupazione viene determinata sulla base di tutti i contributi versati nei 4 anni precedenti alla data di licenziamento, sia in merito alla durata (la metà delle settimane contribuite in questo lasso di tempo), sia in merito all’ammontare dell’assegno (il 75% dell’imponibile medio, sino a un certo limite).

Naspi: imponibile medio e nuovo lavoro

In particolare, la Naspi è pari al 75% dell’imponibile medio Inps (nella maggior parte dei casi coincidente con lo stipendio lordo) degli ultimi 4 anni, sino a 1.195 euro ; superata questa soglia, l’indennità è incrementata del 25% della differenza tra  1.195 euro ed il maggior importo, sino ad un limite massimo di 1.300 euro. Viene poi decurtata del 3% ogni mese, a partire dal 4°.

Se ci si dimette perché si è trovato un nuovo impiego, dunque, ma non si ha la certezza della sua durata, o si sa già che sarà breve (ad esempio perché si tratta di un lavoro stagionale), bisogna fare bene i propri conti: se lo stipendio è molto basso, questo diminuirà l’imponibile medio, quindi anche l’ammontare della prestazione. Dovendosi, comunque, quantificare la media nell’arco degli ultimi 4 anni, se il rapporto di lavoro con stipendio più basso risulta più breve rispetto ad altri contratti con retribuzione più alta, l’impatto nella diminuzione dell’assegno è più limitato.

Naspi e dimissioni

Ad ogni modo, giova ricordare che non tutte le dimissioni determinano la perdita dello stato di disoccupazione.

Ad esempio la Naspi può essere ottenuta con:

  • le dimissioni per giusta causa;
  • le dimissioni durante il periodo tutelato di maternità.

La risoluzione consensuale di solito viene assimilata alle dimissioni, tranne quella conseguente alla procedura di conciliazione obbligatoria.

In definitiva, se il lavoratore sta pensando di dimettersi perché ha trovato un nuovo lavoro, ma non è sicuro della sua stabilità e la retribuzione è più bassa, occorre far bene i propri conti, anche con l’aiuto di un consulente del lavoro: pur essendo vero che ai fini della Naspi non perde i periodi pregressi (sino ai 48 mesi precedenti la data dell’eventuale futuro licenziamento), la nuova occupazione può comunque comportare una riduzione, rispetto all’assegno calcolato sull’imponibile medio del vecchio lavoro.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

7 Commenti

  1. Il nuovo lavoro deve avere una durata minima? Per esempio:
    dopo le dimissioni da un contratto a tempo indeterminato (con 30 giorni di effettivo lavoro negli ultimi 12 mesi, e le 13 settimane negli ultimi 48 mesi), stipulo un contratto T.D. di un giorno, tale evento, unito ai requisiti dei 30 giorni e delle 13 settimane, maturate tramite il precedente indeterminato, mi da diritto alla Naspi?

  2. Queste norme del 2017 sono tuttora valide o è cambiato qualcosa riguardo all’articolo della D.ssa Noemi Secci “Naspi: posso ottenerla se mi dimetto e trovo un nuovo lavoro?”.
    Grazie
    Vincenzo

    1. Vincenzo ti consigliamo di leggere anche gli articoli più recenti sulla Naspi:
      -Pagamento Naspi 2019 https://www.laleggepertutti.it/275170_pagamento-naspi-2019
      -Naspi: chi e quando ne ha diritto https://www.laleggepertutti.it/272099_naspi-chi-e-quando-ne-ha-diritto
      -Naspi: sospensione, decadenza e calcolo periodi di erogazione https://www.laleggepertutti.it/272550_naspi-sospensione-decadenza-e-calcolo-periodi-di-erogazione
      -Naspi e reddito di cittadinanza https://www.laleggepertutti.it/271993_naspi-e-reddito-di-cittadinanza
      -Naspi: compatibilità col lavoro occasionale https://www.laleggepertutti.it/262140_naspi-compatibilita-col-lavoro-occasionale
      -Rifiuto rinnovo contratto a tempo determinato, ho diritto alla Naspi? https://www.laleggepertutti.it/262010_rifiuto-rinnovo-contratto-a-tempo-determinato-ho-diritto-alla-naspi
      -Domanda Naspi: ci vuole la busta paga? https://www.laleggepertutti.it/263254_domanda-naspi-ci-vuole-la-busta-paga
      -Possono togliermi la Naspi? https://www.laleggepertutti.it/258805_possono-togliermi-la-naspi
      -Naspi, cosa fare se trovo lavoro? https://www.laleggepertutti.it/174598_naspi-cosa-fare-se-trovo-lavoro

      1. Vi ringrazio, ho letto gli articoli suggeriti, ma non è indicato il caso specifico da me proposto e a cui si riferiva l’articolo del 2017.. Deduco comunque che si ha diritto a percepirla, avendo già lavorato nei 4 anni precedenti e che l’interruzione del lavoro attuale, anche se con dimissioni volontarie, non pregiudica il diritto alla Naspi futura, in caso di eventuale licenziamento. Se è così vi chiedo soltanto di confermarlo.
        Nel frattempo ho posto la domanda anche all’Inps, dalla quale sto attendendo risposta.
        Ancora Grazie.
        Vincenzo.

  3. Salve,
    Mi chiedevo se,
    essendomi dimesso il 1/12/2018 (dunque privo dei requisiti per l’indennità di disoccupazione)ed essendo stato il mese scorso assunto con contratto determinato a termine di 15 giorni conclusosi in data odierna,
    potessi ad oggi usufruire della naspi.
    Potrei dunque cumulare i 15 giorni del recente lavoro a tempo determinato con 15 del precendente da cui mi sono dimesso al fine di raggiungere i 30 giorni necessari per l indennità?

    Vi ringrazio anticipatamente per il supporto

    1. Salve, mi trovo più o meno nella tua stessa situazione, hai provato a fare la pratica di disoccupazione? com’è andata?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube