Diritto e Fisco | Articoli

Furto e truffa al coniuge non sono reato

31 Marzo 2017
Furto e truffa al coniuge non sono reato

Chi ruba un bene al marito o alla moglie non commette reato ma può essere condannato civilmente al risarcimento del danno.

Non si può denunciare il marito o la moglie che si impossessa di un bene del coniuge o che tenta di frodarlo: questo perché il codice penale [1] stabilisce che i cosiddetti reati contro il patrimonio – tra cui vi rientra il furto, la sottrazione di cose comuni, l’appropriazione indebita, il danneggiamento e la truffa – non sono punibile se la “vittima” è il coniuge. In altre parole l’eventuale querela per furto o truffa al coniuge verrà archiviata e non comporterà alcun procedimento penale. Ciò non significa che l’azione del coniuge che abbia rubato all’altro o lo abbia truffato sia da considerarsi lecita: resta però solo un illecito civile per il quale è possibile ottenere il risarcimento del danno. Se poi i coniugi sono in comunione dei beni, chi dei due vende beni della comunione per sé (ad esempio, preleva tutti i soldi dal conto corrente comune) può essere condannato a ripristinare la comunione o a rimborsare all’altro coniuge la sua parte.

Si può rubare al proprio coniuge?

Immaginiamo che un uomo accumuli debiti di gioco. Prova, in tutti i modi, a mettere insieme la cifra di cui ha bisogno, ma non ci riesce e così – messo alle strette – decide di prendere un prezioso anello della moglie per venderlo e ricavarne la somma necessaria. A lei, però, non dice nulla: non vuole assolutamente che lo venga a sapere, anche perché spera di riuscire a ricomprarglielo presto. Invece la donna scopre il furto e si infuria. Non le importa si tratti del marito: quell’anello rappresenta per lei un ricordo importante e ha intenzione di denunciarlo. Lui prova a spiegarle che, data la necessità, non si può parlare di furto. Lei non ne vuole sapere e ne nasce una discussione…

Chi ha ragione? La moglie, che ritiene di aver subito un vero e proprio furto e sia giusto querelare il marito? Oppure il marito, che ritiene, invece, non si possa parlare di furto, essendo la “vittima” in questione sua moglie? La risposta è nel codice penale.

Non sono punibili i furti ai danni del coniuge, salvo sia intervenuta separazione o si tratti di reato di rapina, estorsione e sequestro.

Laddove il furto è ai danni di un parente stretto, non si commette reato e non si può essere querelati.

Pertanto, rubare un oggetto al proprio coniuge non è considerato un reato: quindi il marito non può essere denunciato.

Lo stesso dicasi anche nel caso di truffa.

Quando è reato rubare al proprio coniuge?

Resta reato il furto o la truffa al proprio coniuge quando la coppia si è separata legalmente. Quindi se la coppia si è separata solo di fatto, senza ricorrere al giudice (o al Comune, o alla negoziazione assistita) il reato non è perseguibile. Se invece è intervenuta separazione o divorzio, il furto, la truffa, l’appropriazione indebita o qualsiasi altro reato contro il patrimonio è perseguibile penalmente e si può sporgere querela.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube