Tech | Articoli

Facebook, ora puoi realizzare raccolte fondi personali

31 Marzo 2017 | Autore:
Facebook, ora puoi realizzare raccolte fondi personali

Se devi affrontare una spesa improvvisa e non hai i soldi, ora ci sarà Facebook a darti una mano con le raccolte fondi personali.

Continuano ad aumentare i servizi offerti da Facebook per rendere la piattaforma non solo il luogo dove socializzare, ma anche farla diventare un’occasione per realizzare i propri sogni e risolvere i problemi quotidiani. Il social network è già utilizzato da molti per trovare nuove amicizie e restare in contatto con i propri cari, ma l’ultima novità riguarda la possibilità di avviare campagne di raccolta fondi personali.

Si tratta di una funzione che verrà testata in versione beta per ora solo negli Stati Uniti e che potrà essere usata solo da chi ha almeno 18 anni. Si potranno raccogliere fondi per se stessi, per un amico o anche per un animale.

Già in passato Facebook aveva dato la possibilità di raccogliere fondi per diverse organizzazioni no-profit, ma ora allarga questa opportunità anche alle persone. Al momento sono disponibili sei categorie per le quali si può avviare una campagna di raccolta fondi.

  • Istruzione: quali tasse scolastiche, libri o attrezzatura per l’aula;
  • Cure mediche: quali procedure mediche, trattamenti o lesioni;
  • Cure mediche per animali: quali procedure veterinarie, trattamenti o lesioni;
  • Situazioni di crisi: quali disastri naturali o problematiche pubbliche;
  • Emergenze personali: come l’incendio della casa incendio o il furto dell’auto;
  • Spese per funerali e perdite: quali le spese per la sepoltura o per sostenersi dopo aver perso una persona cara.

Naturalmente Facebook non fa nulla senza poterci trarre il proprio profitto. Per ogni raccolta fondi chiede per sé una tassa del 6,9%, soldi che ufficialmente serviranno per offrire il servizio ma che in parte sicuramente andranno a rimpinguare le casse di Mark Zuckerberg e soci.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube