| Articoli

Si può usare il pass invalidi sull’auto di parenti o amici?

2 Aprile 2017


Si può usare il pass invalidi sull’auto di parenti o amici?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 2 Aprile 2017



Il contrassegno per i portatori di handicap, che consente di parcheggiare sugli spazi ad essi riservati, non è più collegato all’auto, ma alla persona.

Buone notizie per chi dispone del contrassegno invalidi e vuole utilizzarlo anche su auto di altre persone, come quelle di familiari e amici: tale comportamento è lecito e non può giustificare multe o sanzioni di altro tipo.

Se già sai, dunque, come ottenere il pass invalidi e ne disponi di uno, leggendo questa guida ti spiegheremo anche come e quando e usarlo sull’auto di un parente o di un amico.

Come noto, il pass invalidi viene rilasciato alle persone con deambulazione sensibilmente ridotta e ai non vendenti. Il titolare deve esporlo in modo visibile sul veicolo. Di norma si usa posizionarlo sul parabrezza, nell’angolo destro, perché è quello che meno dà fastidio a chi guida.

Contrariamente a quanto si crede, il titolare del contrassegno invalidi se lo può portare dietro e utilizzarlo su qualsiasi auto voglia, anche se non è di sua proprietà. Con un solo limite: all’interno del mezzo ci deve sempre essere egli stesso, non importa se in qualità di passeggero o di conducente. Ad esempio, non è possibile lasciare il pass a un familiare per acquistare urgentemente delle medicine per il parente invalido titolare del contrassegno. Questi ha la possibilità di lasciare eventualmente l’auto nell’apposito spazio destinato ai prelievi in farmacia. Se le condizioni di urgenza non consentono di trovare un parcheggio, l’eventuale multa elevata per divieto di sosta o parcheggio in seconda fila può essere annullata richiamandosi allo stato di necessità che è una scriminante non solo per i reati, ma anche per le contravvenzioni stradali.

Il contrassegno invalidi non è più collegato, come un tempo, a un’automobile predeterminata: al contrario è un documento individuale che il titolare può utilizzare anche su mezzi diversi, ivi compresi quelli di familiari, parenti o amici, o anche quelli di associazioni.

Chi vuole usare il pass invalidi su un’auto di parenti o amici non può, tuttavia, fare una fotocopia a colori, ma deve sempre avere a disposizione l’originale. Di recente, la Cassazione ha detto che il pass disabili in fotocopia a colori non costituisce reato, ma implica solo una multa (al pari di un eccesso di velocità). Dunque, per usare il contrassegno invalidi su un’altra auto, anche intestata a una persona differente al titolare del contrassegno medesimo, è necessario rispettare le seguenti regole:

  • il contrassegno invalidi deve essere esposto sull’auto in modo visibile;
  • il contrassegno invalidi deve essere in originale e non in fotocopia;
  • il disabile, titolare del contrassegno, deve essere presente nell’auto, in qualità di conducente o di passeggero.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

5 Commenti

  1. il punto dive dite “l’eventuale multa elevata per divieto di sosta o parcheggio in seconda fila può essere annullata richiamandosi allo stato di necessità che è una scriminante non solo per i reati, ma anche per le contravvenzioni stradali.” è riferito anche all’eventuale contravvenzione in area C (Milano) con auto non conforme (perchè del ’98) per accompagnare un disabile grave, sprovvisto di auto propria e quindi di pass, all’incontro con il proprio legale per questioni urgenti che poteva risolvere solo di persona?

  2. Il pass autorizza apassare i valichi delle telecamere nelle zone a traffico limitato senza essere sanzionati . Ora se uso il pass con un parente o amico e passo nelle zone ZTL o nei valichi sorvegliati da telecamere , posso essere sicuro che mi arriva la contravvenzione a casa avendo il pass in mano. Quello che conta è il numero della targa a cui è registrato il pass. A meno che serva solo per la sosta nelle aree blu.

  3. Salve
    Ho un dubbio che mi ha fatto venire una mia collega di lavoro…
    Su questo punto:
    il disabile, titolare del contrassegno, deve essere presente nell’auto, in qualità di conducente o di passeggero.
    Ieri sera mi hanno fatto una multa, io avevo cartellino dei disabili della mia ragazza nella mia auto. Io e lei siamo andati a cena ad un compleanno e non trovando posto abbiamo messo la macchina sopra un marciapiede e ovviamente messo il cartellino ben visibile.
    Siamo sicuri che sia così?

    Comunque nella multa c’è scritto che no avevo il cartellino!!!! Come facevano a saperlo visto che la macchina mia non lo ha mai avuto? Sembra quasi che l’abbiano visto e lo hanno scritto perché volevano che pagassi la multa senza avere la possibilità di contestarla…

    1. Carissimo Daniele
      se ti fossi informato presso la Motorizzazione o presso l’ACI sapresti che è vietato sostare in seconda fila e sui marciapiedi pure se sei titolare o in auto vi è un disabile. Il vigile che ti ha elevato la contravvenzione probabilmente non è molto esperto in quanto avere o non avere il contrassegno in evidenza non costituisce esonero dalla multa quando l’auto è in sosta anche momentanea sul marciapiede.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI