Business | Articoli

Fondi agevolati imprese creditrici da PMI vittime di estorsione e usura

16 Dicembre 2016 | Autore:
Fondi agevolati imprese creditrici da PMI vittime di estorsione e usura

Come ottenere credito se si attendono pagamenti da aziende vittime di estorsione, truffa, insolvenza.

Il Ministero dello Sviluppo Economico [1], ha stabilito che alle imprese vittime di mancati pagamenti di imprese debitrici imputate di delitti di estorsione, truffa e insolvenza [2] potranno essere concessi finanziamenti agevolati.

Chi può presentare domanda?

La domanda al fondo può essere effettuata da partre di PMI in possesso dei seguenti requisiti:

  • a)  situazione di potenziale crisi di liquidità, causata da mancati pagamenti da parte delle imprese debitrici;
  • b) regolarmente costituite e iscritte nel registro delle imprese;
  • c) nel pieno e libero esercizio dei propri diritti,
  • d) non in stato di scioglimento o liquidazione,
  • e) non sottoposte a procedure concorsuali per insolvenza o ad accordi stragiudiziali o piani asseverati [3],
  • f) non sono sottoposte ad accordi di ristrutturazione dei debiti [4].

Come distinguere se un’impresa è in potenziale liquidità?

Si considerano in potenziale crisi di liquidità le PMI beneficiarie che presentano un rapporto non inferiore al 20% tra l’ammontare dei crediti non incassati nei confronti delle imprese debitrici e il totale dei «Crediti verso clienti»  nel bilancio [5].


note

[1] DM 17.10.2016, pubblicato nella G.U. 13.12.2016, n. 290.

[2] art.629 (estorsione), 640 (truffa), 641 (insolvenza fraudolenta) cod.pen. e art. 2621 del cod. civ. (false comunicazioni sociali).

[3] ai sensi dell’art. 67, terzo comma, lettera d), L. F. di cui al RD 16.03.1942, n. 267.

[4]  art. 182-bis. L. F. di cui al RD 16.03.1942, n. 267.

[5] art. 2424 del cod.civ. lett. c) II – 1).


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube