Diritto e Fisco | Articoli

Legge 104: devo comunicare il trasferimento del disabile?

24 Aprile 2017
Legge 104: devo comunicare il trasferimento del disabile?

Uso i permessi 104 per assistere mia nonna che verrà trasferita in una città a 500 km da casa sua. La seguirò nel trasferimento. Tale assistenza è regolare? Devo comunicare qualcosa all’Inps?

 

In linea di principio non è contrario alla lettera ed allo spirito della legge assistere il proprio parente disabile in altra località, dove si sia temporaneamente trasferito, diversa da quella di sua residenza. La legge 104 [1], infatti, subordina il diritto di fruire dei permessi da esso disciplinati alla necessità di assistenza al disabile ove sussistano e permangano nel tempo i requisiti oggettivi da esso fissati (disabilità grave e situazione di non ricovero a tempo pieno). Non sono più previsti dalla legge, invece, per poter fruire dei permessi, i requisiti di esclusività dell’assistenza e di continuità della stessa: ne consegue che non è di ostacolo alla concessione dei permessi il fatto che vi possano essere altri parenti in grado di assistere il disabile, né è più richiesto che tale assistenza sia prestata in modo continuo. Tuttavia, poiché sia il datore di lavoro che l’Inps hanno il potere di accertare se sussistano e permangano le condizioni per poter fruire dei diritti previsti nel medesimo articolo (la Corte di Cassazione ha di recente legittimato addirittura l’utilizzo di agenzie investigative da parte del datore allo scopo di verificare che l’utilizzo dei permessi sia legittimo da parte del dipendente) e considerato che il lavoratore deve comunicare all’Inps (con modulo che poi va consegnato al datore di lavoro che è il soggetto che per legge ha la gestione concreta dei permessi) ogni variazione nella situazione di fatto e di diritto che ha formato oggetto della comunicazione iniziale (e nel modulo di comunicazione iniziale viene richiesto di indicare anche l’indirizzo del disabile eventualmente diverso dalla residenza), è consigliabile comunicare tale trasferimento del disabile all’Inps e di motivare le ragioni di esso (conservando ogni utile documentazione a dimostrazione del soggiorno del disabile e dell’assistente in tale diversa località per il periodo indicato).

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Angelo Forte

 


note

 [1] Art. 33 l. n. 104 dello 05.02.1992.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube