HOME Articoli

Lo sai che? Dove trovare un avvocato gratis

Lo sai che? Pubblicato il 9 aprile 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 9 aprile 2017

Avvocati iscritti al gratuito patrocinio: per l’elenco bisogna rivolgersi al consiglio dell’ordine degli avvocati del tribunale più vicino.

Se hai bisogno di trovare un avvocato gratis e non conosci nessuno che operi con il gratuito patrocinio, la prima cosa da fare è chiedere l’elenco al consiglio dell’ordine degli avvocati della tua città e, successivamente, individuare tra gli iscritti un legale competente nella materia per la quale chiedi assistenza. Solo gli avvocati iscritti nello speciale elenco del gratuito patrocinio (o patrocinio a spese dello Stato) possono operare con addebito delle spese e onorari a carico dell’erario e non del cliente. Il cliente tutt’al più, se perde la causa, sarà tenuto a pagare le sole spese processuali all’avversario, anche se ammesso al gratuito patrocinio, ma nulla dovrà – neanche a titolo di rimborso spese vive – al proprio avvocato. Ma procediamo con ordine e, prima di vedere dove trovare un avvocato gratis e come chiedere l’ammissione a tale beneficio, facciamo qualche preliminare precisazione.

Gratuito patrocinio: cos’è

Il cittadino in gravi difficoltà economiche che si trova ad affrontare un processo civile può richiedere il patrocinio a spese dello Stato, detto anche “gratuito patrocinio”, che gli permette di agire o di difendersi davanti all’autorità giudiziaria senza pagare le relative spese. Le «gravi difficoltà economiche» vengono individuate in un limite di reddito aggiornato ogni due anni: attualmente può beneficiare del gratuito patrocinio chi è titolare di un reddito imponibile ai fini dell’imposta generale sul reddito, risultante dall’ultima dichiarazione, non superiore a 11.528,41 euro.

Inoltre, per poter accedere al gratuito patrocinio e avere un avvocato gratis, è necessario che le ragioni del cittadino risultino fondate (la legge richiede che le sue regioni siano «non manifestamente infondate»). Ovviamente questo non significa che abbia già ragione e che vincerà la causa: si tratta di una semplice valutazione approssimativa e sommaria (spesso valutata in modo sbrigativo), salvo poi quello che deciderà il giudice e che si riuscirà a dimostrare in giudizio.

Non rientra nel gratuito patrocinio la semplice consulenza, la redazione di contratti, lettere, diffide e tutto ciò che non ha a che fare con una causa.

Il gratuito patrocinio può operare anche nei successivi gradi di giudizio e nell’esecuzione forzata. Tuttavia, la parte ammessa al gratuito patrocinio in primo grado e rimasta soccombente non può chiedere nuovamente l’ammissione per proporre impugnazione, salvo che per l’azione di risarcimento del danno nel processo penale.

Dove trovare un avvocato gratis

Per trovare un avvocato che difende con il gratuito patrocinio è possibile rivolgersi al singolo legale e chiedergli se questi è iscritto all’elenco speciale. Se lo è non è detto che accetti l’incarico. Se non lo è, non può accettare l’incarico.

Se non si conosce il nome di un avvocato abilitato al gratuito patrocinio ci si può materialmente recare al più vicino Consiglio dell’Ordine e chiedere l’elenco oppure lo si può consultare online accedendo al sito del predetto Consiglio dell’Ordine.

Dopo aver avuto un contatto con l’avvocato, questi si occuperà di tutta la documentazione da far firmare al cliente e da depositare all’ordine.

Come presentare l’istanza di ammissione al gratuito patrocinio

Per chiedere un avvocato gratis bisogna presentare un’istanza senza particolari requisiti di forma redatta anche in carta semplice (anche se ogni consiglio dell’ordine predispone dei propri modelli scaricabili dal sito) purché in duplice copia (una per il consiglio dell’ordine, l’altra per l’agenzia delle entrate).

Nell’istanza bisogna indicare:

  • la richiesta di ammissione al patrocinio e l’indicazione del processo cui si riferisce, se già pendente;
  • le generalità dell’interessato e dei componenti la famiglia anagrafica, con i rispettivi codici fiscali;
  • una dichiarazione sostitutiva di certificazione da parte dell’interessato, attestante la sussistenza delle condizioni di reddito previste per l’ammissione;
  • l’impegno a comunicare, fino a che il processo non sia definito, le variazioni rilevanti dei limiti di reddito, verificatesi nell’anno precedente, entro 30 giorni dalla scadenza del termine di un anno, dalla data di presentazione dell’istanza o della precedente comunicazione di variazione;
  • le enunciazioni in fatto e in diritto utili a valutare la non manifesta infondatezza della pretesa che si intende far valere, con la specifica indicazione delle prove di cui si intende chiedere l’ammissione;
  • la sottoscrizione della parte richiedente. Tale sottoscrizione deve essere autenticata dall’avvocato.

All’istanza va allegata copia del documento di identità.

L’istanza va depositata al consiglio dell’ordine degli avvocati: a tale adempimento può provvedere la parte o lo stesso avvocato.

In alternativa, essa può essere spedita a mezzo raccomandata a/r.

Dove presentare l’istanza di ammissione al gratuito patrocinio

Vediamo ora dove presentare la richiesta di avvocato gratis. In particolare bisogna rivolgersi:

  • se il processo è già in corso: al consiglio dell’ordine in cui ha sede il giudice davanti al quale pende il processo;
  • se il processo non è ancora stato instaurato: al consiglio dell’ordine in cui ha sede il giudice competente a conoscere il merito della causa;
  • se si procede avanti la corte di cassazione: al consiglio dell’ordine in cui ha sede il giudice che ha emesso il provvedimento impugnato.

note

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Buongiorno ,Io non cerco un avvocato gratis ,ma un avvocato che voglia guadagnare un po di soldi con le mie disgrazie ,grazie Nico

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI