Diritto e Fisco | Articoli

Chi paga l’avvocato per il sinistro stradale?

9 Aprile 2017
Chi paga l’avvocato per il sinistro stradale?

Ho fatto un incidente stradale e ho affidato a un avvocato la pratica di risarcimento danni con l’assicurazione. Lui mi ha detto che a pagarlo sarà l’assicurazione. Posso stare davvero tranquillo che non mi presenterà alla fine la parcella?

Di norma, in caso di gestione stragiudiziale della pratica di risarcimento del danno da sinistro stradale, e quindi a condizione che alla fine delle trattative si arrivi a un accordo tra danneggiato e assicurazione, è quest’ultima a pagare le spese legali, liquidando all’avvocato scelto dal cliente la relativa parcella. Tale parcella viene determinata in percentuale rispetto all’intero risarcimento (secondo gli usi la percentuale ammonta a circa il 10-20% dell’indennizzo).

In pratica, avviene quanto segue: quando l’assicurazione presenta la propria offerta all’automobilista, fa un’offerta omnia, ossia onnicomprensiva anche delle spese affrontate per la gestione della pratica, comprensiva quindi dell’onorario all’avvocato e del compenso eventualmente pagato al medico legale che ha redatto la perizia sui danni fisici. L’assicurato che accetta l’offerta viene così indennizzato di tutte le spese sostenute o che, ancora, deve sostenere.

Poiché però le trattative vengono seguite dall’avvocato, l’assicurazione propone a quest’ultimo il proprio compenso ed è lui a trattare sul punto, eventualmente rilanciando. Tutto è rimesso al negoziato delle parti, non essendovi norme in materia che impongano all’assicurazione di pagare l’avvocato del danneggiato (se non quella di risarcire tutti i danni conseguenti al sinistro stradale). Ecco perché è molto importante che automobilista e avvocato concordino preventivamente il compenso che spetta a quest’ultimo per l’attività svolta.

Le ipotesi che si possono verificare sono le seguenti:

  • avvocato e automobilista hanno concordato preventivamente (ossia al momento del conferimento dell’incarico di gestione del sinistro stradale) la parcella da versare al professionista a risarcimento ottenuto: in tal caso, l’eventuale pagamento da parte dell’assicurazione andrà a coprire questa spesa. Se le parti si sono accordate per un compenso superiore rispetto a quello che l’assicurazione è disposta a versare a titolo di spese legali, sarà il danneggiato a dover affrontare l’ulteriore costo. Le parti, però, possono accordarsi per riconoscere all’avvocato solo la quota che verrà riconosciuta dalla compagnia, così lasciando indenne l’automobilista da ogni spesa ulteriore. È preferibile che tale accordo – che ben può anche essere orale (così come nel caso del lettore) – sia messo per iscritto. Se il cliente ha pagato all’avvocato un anticipo, esso andrà decurtato dalle spese legali che l’assicurazione versa all’atto della liquidazione del risarcimento;
  • avvocato e automobilista non hanno concordato in anticipo la parcella: in tal caso il legale, al termine della pratica di risarcimento, presenterà la fattura e il danneggiato sarà comunque tenuto ad onorarla.

Di norma, l’assicurazione versa l’importo onnicomprensivo del risarcimento e delle spese legali direttamente all’assicurato-danneggiato; quest’ultimo è poi tenuto a pagare, al proprio avvocato, la parcella concordata. Tuttavia il legale potrebbe accordarsi con l’assicurazione per operare due bonifici distinti e separati: il primo al danneggiato (l’indennizzo vero e proprio); il secondo direttamente all’avvocato (il pagamento della parcella). In tale ipotesi, se le parti non hanno concordato ulteriori compensi, il legale non potrà pretendere altre somme dall’assistito.

Attenzione: queste regole valgono solo nel caso in cui si raggiunga un accordo sul risarcimento. Se invece le parti non si mettono d’accordo, il compenso al legale sarà versato dal cliente. È però verosimile che, in una tale ipotesi, il danneggiato conferisca mandato all’avvocato di difenderlo nel conseguente giudizio in tribunale. In tal caso, oltre alle spese vive, sarà tenuto – a richiesta del legale – ad anticipargli tutta o parte della parcella.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

4 Commenti

  1. Buon giorno, non e una regola che se ti metti d’accordo con avocato verbale lui rispetta accordo.Essempio, mia moglie e stata coinvolta in un incidente stradale con omissione soccorso anno scorso a marzo,avocato a detto che si prende le spese legali alla fine. Adesso è arrivato un assegno di 300 euro e abbiamo pagato avocato 120 euro per avere in possesso tale assegno. Allora alla fine della pratica questo avocato prendera quasi 50% di ogni assegno piu le spese legali pagate di assiguratione e ci a detto che lei prendera più di mia moglie,forse alla fine prendiamo 20-30% di tutti soldi pagate di assig.Piu nostro avocato non ci dà le ricevute per soldi pagati,neanche copia dopo querela dove e scritto importo dell assegno piu soldi che a ricevuto avocato e quelli 120€. Chiedo scusa se non mi sono spiegato bene e per la scritta.

  2. Buongiorno, mia madre ha subito un incidente stradale, e poi succesivamente e morta, il mio avvocato, mi disse che a lui nn dovevo pagare nulla xche ci avrebbe pensato l’assicurazione,x il suo compenso. Dopo vari mesi siamo arrivati alla fine, la compagnia assicurativa stipulo due assegni uno al danneggiato e l’altro all’avvocato pagandogli la parcella, al momento di incassare, lui viene e mi dice che la compagnia assicuratrice, nn lo ha trattato come lui vorrebbe, e mi chiede a me suo assistito di pagargli la differenza senza nussuno accordo scritto. Io mi chiedo e giusto dovergli pagare un tantum, visto che lui ha percepito la sua parcella pagata dall’assicurazione?
    Mi fate sapere qualcosa grazie

    1. Buongiorno a te. Ti consigliamo la lettura dei seguenti articoli:
      -Incidente: si può cedere il credito all’avvocato? https://www.laleggepertutti.it/256893_incidente-si-puo-cedere-il-credito-allavvocato
      -Come calcolare risarcimento incidente stradale https://www.laleggepertutti.it/183257_come-calcolare-risarcimento-incidente-stradale
      -Incidente stradale: l’assicurazione rimborsa le spese legali? https://www.laleggepertutti.it/178957_incidente-stradale-lassicurazione-rimborsa-le-spese-legali

  3. Salve io ho avuto un incidente l’anno scorso, mi sono stati dati 28 punti di invelidità permanente , e alla fine abbiamo concordato con l’assicurazione un pagamento di 75mila euro , e 20 euro da dare all avvocato andavano scalati da questi ultimi. io trovo assurdo che un avvocato che non ha nemmeno fatto una causa in tribunale prenda cosi tanto , ci manca poco che prende piu soldi lui di me .Pensate sia giusto?

Rispondi a oscar Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube