Tech | Articoli

Quanto si guadagna pubblicando un video su YouTube?

10 aprile 2017 | Autore:


> Tech Pubblicato il 10 aprile 2017



Ecco quanti soldi puoi guadagnare creando un tuo canale sulla piattaforma video di Google e diventando un YouTuber di successo.

Sono in molti ad aver fatto soldi diventando YouTuber di successo, ma quanto si può guadagnare davvero pubblicando un video su YouTube? Prima di dare una risposta è necessario comprendere come funziona il sistema di inserzioni sulla piattaforma Google.

In altri contesti, come ad esempio una rivista, sono le persone che decidono quali inserzioni mettere valutando il tipo di contesto. Su YouTube ogni giorno gli utenti guardano oltre un miliardo di ore di video e sarebbe impossibile per delle persone classificare tutti i contenuti che quotidianamente vengono pubblicati.

Questo lavoro viene svolto dai bot, ovvero dei piccoli robot software che analizzano un video quando viene caricato. In pratica il bot controlla il titolo, la descrizione, le parole chiave, i commenti, le didascalie e tutte le informazioni utili a catalogarlo.

Ogni inserzionista ha delle categorie di video in cui vuole inserire i propri annunci e quelle in cui invece non vuole. E anche gli inserzionisti a loro volta utilizzano dei bot per fare l’offerta a YouTube in modo che inserisca i suoi annunci nei video.

In pratica la contrattazione tra l’inserzionista e YouTube avviene come in un’asta in cui da una parte c’è il banditore, che è un bot di YouTube, e dall’altra ci sono i bot dei vari inserzionisti che fanno le loro offerte. In quest’asta, però, non vince quello che fa l’offerta più alta, ma quello che probabilmente farà guadagnare di più YouTube.

Prendiamo ad esempio gli annunci che possono essere saltati. L’inserzionista non paga se l’annuncio viene saltato ma solo se viene visualizzato o cliccato. Di conseguenza, un annuncio che paga molto non è conveniente se è noioso. Niente clic equivale a niente soldi per YouTube e il creatore di contenuti.

Verrà quindi preferito un inserzionista che paga di meno ma che ha un tasso di visualizzazioni più elevato. Per capire se un annuncio è noioso, i bot di YouTube non solo prendono in considerazione i contenuti del video, ma anche che il tipo di spettatore che li sta visualizzando. Per farlo analizzano lo storico delle attività e il tipo di dispositivo utilizzato per cercare di estrapolare altre informazioni come età, sesso, località, interessi e altre informazioni.

Proprio perché vengono valutate tutte queste cose, se guardiamo lo stesso video dal dispositivo di qualcun altro, vedremo annunci diversi.

Considerando tutto quello che abbiamo visto prima, capiamo che non è possibile avere una risposta precisa di quanto YouTube e i creatori di contenuti guadagnano dalle visualizzazioni di un video. Lo stesso numero di visite potrebbe far guadagnare a un canale cinque volte di più rispetto ad un altro perché sono tanti i fattori che entrano in gioco.

È possibile però fare delle approssimazioni ragionando su un guadagno medio. Una visualizzazione paga in media un quarto di centesimo di dollaro da dividere tra YouTube e il creatore di contenuti. In altre parole 1000 visualizzazioni corrispondono in media a 2,5 dollari. Il 45% di questi soldi va a YouTube e l’altro 55% al creatore di contenuti. Facendo un rapido calcolo, per 1000 visualizzazioni entrano nelle tasche del creatore di contenuti 1,4 dollari mentre a YouTube vanno 1,1 dollari.

Moltiplicando il tutto per 1000 abbiamo che con un milione di visualizzazioni si guadagna in media 1400 dollari. Come premesso, si tratta di una stima perché ci sono video che possono far guadagnare anche solo 50 centesimi per 1000 visualizzazioni, così come ce ne sono altri che possono far guadagnare anche 4-5 dollari per lo stesso numero di visualizzazioni.

Ora che abbiamo un’idea di quanto si può guadagnare su YouTube, la sfida sarà nel riuscire a creare contenuti interessanti in grado di attirare milioni di visualizzazioni.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI