Diritto e Fisco | Articoli

Donazione a coltivatore diretto: come viene tassata?

30 Aprile 2017
Donazione a coltivatore diretto: come viene tassata?

Io e mio fratello abbiamo un terreno in affitto da mia madre che usiamo come agricolo; abbiamo costruito un capannone ad uso rimessa grazie ai contributi del Psr. Nostra madre vorrebbe donarcelo: a quale tassazione andremmo incontro?

Allo stato attuale per determinare la tassazione cui andrebbe incontro l’operazione prospettata bisogna tener conto della natura gratuita dell’atto da compiersi, della natura del terreno oggetto di trasferimento e, infine, delle condizioni soggettive dei futuri acquirenti. L’atto di donazione a parenti in linea retta, infatti, sconta, in linea generale, le seguenti imposte:

  • imposta di donazione del 4% sul valore complessivo, al netto di eventuali oneri, eccedente per ciascun donatario euro 1.000.000;
  • imposta ipotecaria del 2% sul valore del bene;
  • imposta catastale dell’1% sul valore del bene.

Questo primo prospetto va modificato in considerazione della natura dell’oggetto del trasferimento – un terreno che, a quanto si dice, risulta essere edificabile – e della condizione di coltivatore diretto posseduta dal lettore e suo fratello.

Si avrà allora che, ferma l’eventuale imposta di donazione e l’imposta catastale nella misura sopra indicata, l’imposta ipotecaria sarà determinata, invece, in misura fissa per l’importo attuale di 168 euro.

Come anticipato in Nuova imposta di registro: gli effetti sui terreni agricoli, dal 1° gennaio 2014, per effetto dell’entrata in vigore del cosiddetto federalismo fiscale, è prevista l’abolizione delle agevolazioni fiscali a favore, tra gli altri, dei coltivatori diretti. Pertanto, da tale data, la donazione in parola non potrebbe più avvantaggiarsi delle agevolazioni previste per i coltivatori diretti ma ritornerebbe al regime “normale” sopra esposto.

 

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Enrico Braiato


note

[1] D.lgs. n. 23 del 14.03.2011, come modificato dal d.l. n. 104 del 12.09.2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube