Diritto e Fisco | Articoli

Lasciare moglie e figli per un’altra donna è illegale

13 aprile 2017


Lasciare moglie e figli per un’altra donna è illegale

> Diritto e Fisco Pubblicato il 13 aprile 2017



Il marito che scappa con un’altra lasciando moglie e figli è tenuto a pagare il risarcimento, oltre che a versare il mantenimento.

Non c’è scampo per l’uomo che scappa con un’altra donna lasciando di punto in bianco moglie e figli a casa: la conseguenza non è solo l’addebito per il tradimento e l’abbandono della casa coniugale, ma anche un sostanzioso risarcimento del danno per la lesione all’onore e alla dignità della donna. È quanto chiarito dal Tribunale di Roma con una recente sentenza [1]. Dunque, se è vero che per l’addebito per la separazione è, in sé, una sanzione a effetti limitati (vedremo più avanti perché), in questo caso la violazione dei doveri del matrimonio porta conseguenze molto più pesanti. Cerchiamo dunque di capire per quali ragioni lasciare moglie e figli per un’altra donna è due volte illegale.

Addebito: cosa significa e quali conseguenze

Chi viola i doveri del matrimonio ed è quindi causa della separazione subisce il cosiddetto «addebito». In altre parole, il giudice, nel pronunciare la fine del matrimonio, imputa la colpa a chi, dei due, ne è stato l’artefice per via del suo comportamento. I doveri del matrimonio più frequentemente violati sono la fedeltà (in caso di tradimento), la coabitazione (in caso di abbandono della casa familiare), il sostegno morale e materiale (si pensi al marito che umili e disprezzi la moglie o le faccia mancare i soldi per mandare avanti il ménage familiare, dissipando il patrimonio).

Ma cosa significa davvero «addebito»? Spesso si dà all’addebito un’importanza superiore a quella che effettivamente ha; gli ex coniugi iniziano una profonda battaglia legale per ottenere la separazione con addebito, battaglia che, tuttavia, ha spesso un valore solo simbolico. Per spiegarlo dobbiamo chiarire quali sono le conseguenze dell’addebito.

Chi subisce l’addebito non può:

  • chiedere il mantenimento (può, tutt’al più, se versa in condizioni economiche disperate, chiedere una somma necessaria alla sopravvivenza: i cosiddetti alimenti);
  • vantare diritti successori nel caso in cui l’ex muoia prima del divorzio (difatti, nella norma, se nel periodo che va tra la separazione e il divorzio uno dei due coniugi separati decede, l’altro è suo erede).

Ora, si comprende bene che, escludendo il problema dei diritti successori (posto che tra la separazione e il divorzio decorrono al massimo 12 mesi e nessuno – diceva Cicerone – è così anziano da ritenere di non poter vivere almeno un anno), la questione si concentra solo sugli alimenti.

Ebbene: non è perché l’ex coniuge subisce l’addebito che l’altro ha diritto al mantenimento. Al contrario, si può pretendere il mantenimento tutte le volte in cui il proprio reddito è più basso di quello dell’ex. Facciamo un esempio per comprendere meglio.

Immaginiamo moglie e marito, dove lei è disoccupata e lui invece titolare di reddito di lavoro dipendente. I due si separano perché l’uomo la picchia. Così lei ottiene l’addebito a carico dell’ex. Il giudice le riconosce inoltre il mantenimento. Ma – qui sta il punto – la donna avrebbe comunque avuto diritto al mantenimento anche senza addebito. E questo perché ha un reddito inferiore.

Dunque, per il marito che scappa di casa ed è infedele, ma che nello stesso tempo ha un reddito più elevato, è totalmente indifferente l’addebito a suo carico: difatti, in ogni caso, egli sarebbe stato tenuto a versare il mantenimento per via del suo patrimonio. Diverso sarebbe stato il discorso se lui fosse stato disoccupato e lei, invece, con un reddito: in tale ipotesi, con l’addebito a proprio carico, l’uomo non avrebbe mai potuto rivendicare il mantenimento.

Separazione: quando scatta il risarcimento del danno

A porre rimedio a questa situazione è la giurisprudenza, secondo la quale tutte le volte in cui la separazione avviene per un comportamento talmente grave da ledere l’onore e la dignità dell’altro coniuge a quest’ultimo è dovuto il risarcimento del danno. Ed è proprio il caso – stando alla sentenza in commento – del marito che scappa di casa per un’altra donna, lasciando moglie e figli. In questo caso si commette una lesione di valori tutelati dalla nostra Costituzione. Il risarcimento è volto a compensare una «considerevole solitudine affettiva» otre che un «rilevante abbandono materiale»·

Si configura dunque una violazione del diritto all’immagine della donna come proiezione sociale della sua personalità e il risarcimento scatta per compensare un fatto illecito che ha violato in modo grave i diritti inviolabili dell’individuo.

note

[1] Trib. Roma, sent. n. 4187/17.

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

7 Commenti

  1. So di molte donne che subiscono e soffrono per questi motivi,ma non capisco perché si parta dalla ipotesi che sia l uomo a scappare e se fosse l uomo al posto della donna? Conosco personalmente un caso del genere e in questo caso la giustizia come in tanti altri non è uguale per tutti.

  2. E nel caso in cui i figli non ci sono? Se il marito tradisce e se ne va, la moglie che ha un reddito inferiore può chiedere un risarcimento x l’offesa subita?

  3. Io non mi sono mai sposata con il mio ex compagno, ma siamo stati insieme x 15 anni e abbiamo avuto due figlie. Lui lavora, io no. È andato via di punto in bianco con un’altra donna. Vale anche x me lo stesso discorso del risarcimento? Grazie

  4. Io mi trovo in una situazione perfettamente analoga a quella descritta: il mio ex marito ha conosciuto un’altra donna, l’ha introdotta nel gruppo che frequentavamo come amica, e poi, un bel giorno, se n’è andato lasciando me dopo 25 anni (di cui 16 di matrimonio) e due figli. Sto lottando per l’addebito, in quanto, per ottenerlo a suo carico, è necessario dimostrare che il matrimonio non fosse già in crisi, prima dell’arrivo di questa donna. In poche parole, mi è stato sempre detto che se il matrimonio non fosse in crisi, e lui mi abbia tradita col subentrare di questa donna, è chiaro che la responsabilità della rottura è del mio ex marito. Se, invece, come peraltro lui vuole far credere, fosse già in atto una crepa nel matrimonio, e la nuova donna è vista semplicemente come il pretesto per lasciare la moglie, non si può ottenere l’addebito a carico del marito. Va quindi dimostrato che l’ex marito è stato artefice della rottura e che non si fosse già distanti. Cosa abbastanza complessa da provare, infatti sono passati più di tre anni e la magistratura non ne viene ancora a capo. Io so soltanto che ai miei occhi non vi era alcuna crisi, forse ai suoi si, ma, in ogni caso, avrebbe dovuto parlarmene….

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI