Tech | Articoli

Come aggiungere gli strumenti di formattazione a WhatsApp

13 Aprile 2017 | Autore:
Come aggiungere gli strumenti di formattazione a WhatsApp

Vediamo come aggiungere in anteprima gli strumenti di formattazione a WhatsApp prima del loro rilascio ufficiale.

Già da tempo WhatsApp permette di formattare il testo includendo le parole tra due simboli. Abbiamo già visto in questo articolo come fare, ma si tratta sicuramente di un metodo non molto pratico. Evidentemente i suoi sviluppatori se ne sono resi conto, e hanno deciso di integrare nell’applicazione strumenti di formattazione più semplici da usare.

Per ora questi strumenti sono ancora in fase di test e quindi non sono stati rilasciati ufficialmente, ma se abbiamo un telefonino Android, possiamo aggiungerli in anteprima aderendo al programma di test di WhatsApp. Per farlo dobbiamo innanzitutto andare sul sito https://play.google.com/apps/testing/com.whatsapp/ e cliccare sul pulsante al centro per diventare un tester.

Ricevuto il messaggio di conferma che siamo diventati un tester, prendiamo il nostro telefonino Android, andiamo su Google Play e aggiorniamo WhatsApp. Verrà quindi scaricata e installata la versione beta dell’applicazione di messaggistica che integrerà appunto i nuovi strumenti di formattazione.

Per usare gli strumenti di formattazione dobbiamo innanzitutto scrivere il testo. Prima di inviarlo, tocchiamolo col dito ed evidenziamolo. Verrà quindi visualizzata la barra con alcune opzioni.

Tocchiamo quindi l’icona con i tre punti per aprire il menu da cui è possibile accedere agli strumenti di formattazione.

Possiamo scegliere tra grassetto, corsivo, barrato e monospace. Gli strumenti di formattazione possono essere provati in anteprima solo su uno smartphone Android. Per averli anche sull’iPhone bisognerà attendere che WhatsApp li rilasci ufficialmente.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube